Forlì-Cesena: dalla Provincia un forte contributo alla nuova legge regionale per i Giovani

Forlì-Cesena: dalla Provincia un forte contributo alla nuova legge regionale per i Giovani

FORLI' - L'Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna nella seduta del 22 luglio, ha approvato a larga maggioranza (27 favorevoli, 9 astenuti e 6 contrari) un testo di legge,

 "Norme in materie di politiche per le giovani generazioni" che, già nel marzo scorso, era stato presentato a Forlì, al Coordinamento Provinciale delle Politiche Giovanili, da uno dei firmatari, il Consigliere Marco Barbieri.

 

Tale legge, senza precedenti simili in Italia, ha l'obiettivo di rafforzare le connessioni tra l'impegno degli enti locali e quello delle agenzie socio educative (associazioni, società sportive, volontariato, oratori) per rafforzare e qualificare le opportunità per le nuove generazioni. Non si tratta, fra l'altro di una legge in più, ma di molte in meno. Con essa è stata, infatti, cancellata, riunita, semplificata e resa meglio fruibile, buona parte della legislazione regionale dedicata ai giovani.

 

La Provincia di Forlì-Cesena, attraverso il suo Coordinamento Provinciale delle Politiche Giovanili, ha dato un fattivo contributo all'elaborazione del testo ottenendo di far attribuire (Art.36) proprio alle Province un forte ruolo di coordinamento e integrazione delle politiche per i giovani.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come Provincia - ha sottolineato, con soddisfazione, il Presidente Massimo Bulbi - ci riconosciamo pienamente in questa nuova legge che troviamo, fra l'altro, in piena sintonia con il lavoro che stiamo compiendo per dare piena attuazione al nostro "Progetto Giovani" che vuol dare risposte, non più solo al "futuro" dei giovani, ma al loro presente, attraverso un forte sostegno alle potenzialità che i nostri ragazzi sono in grado di esprimere».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -