Forlì-Cesena, furti di bestiame: la Prefettura corre ai ripari

Forlì-Cesena, furti di bestiame: la Prefettura corre ai ripari

FORLI' - Gli episodi di furto di bestiame che, anche se in  misura minore nell'ultimo semestre, hanno interessato la zona collinare del territorio provinciale di Forlì-Cesena, hanno spinto la Prefettura a correre ai ripari.

 

E' per questo che, accanto alle immediate iniziative volte a rendere tangibile un più mirato controllo del territorio da parte delle Forze di Polizia (segnatamente Arma dei Carabinieri e Corpo Forestale dello Stato), in sede di Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica sono stati definiti precipui strumenti diretti a scongiurare il perpetrarsi dei furti di bestiame in questione.

 

In questa ottica, il ruolo attivo fin da subito assunto dall'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena ha da ultimo condotto al cofinanziamento da parte della stessa dell'Associazione Provinciale degli Allevatori per la sperimentazione di sistemi di controllo elettronico degli animali.

 

Pertanto, in occasione delle Giornate Zootecniche della Moia (25/27 Luglio-Alfero, Verghereto), si è tenuta sabato 26 una dimostrazione pratica di utilizzo di collare dotato di GPS in grado di segnalare al telefonino o al computer dell'allevatore la posizione dell'animale e quindi l'eventuale allontanamento dall'area di pascolo nonché  possibili tentativi di manomissione del collare.

 

Tale dimostrazione è avvenuta con il supporto del Laboratorio di Bioingegneria dell'Università degli Studi di Milano, che collabora alla realizzazione del progetto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -