Forlì-Cesena, Gagliardi (PdL): "Che fine ha fatto il mobility manager in Provincia?"

Forlì-Cesena, Gagliardi (PdL): "Che fine ha fatto il mobility manager in Provincia?"

FORLI' - Chi è il mobility manager della Provincia? E' l'interrogazione con risposta in aula inviata da Stefano Gagliardi al presidente della Provincia Massimo Bulbi. Ricorda Gagliardi: "Per poter avviare una politica di incentivazione all'uso del mezzo pubblico da parte dei dipendenti provinciali sono stati stanziati dei fondi e approvati dei criteri per l'erogazione dei contributi per l'abbonamento al trasporto pubblico; visto il successo dell'iniziativa, la Giunta Provinciale, negli anni, ha aggiornato e ampliato i criteri di assegnazione degli incentivi fino a raggiungere, nel 2009, un impegno finanziario pari a Euro 14.000; nel 2010 sono stati stanziati Euro 8.000 esauriti già a luglio; pertanto buona parte dei dipendenti non ha potuto utilizzare questo incentivo".

 

"Valutato che si sapeva già ad inizio 2010 che per il corrente anno erano disponibili solo 8.000 Euro, i criteri di erogazione dell'incentivo economico andavano perlomeno adeguati al numero potenziale di dipendenti che annualmente usufruiscono dell'incentivo; il sottoscritto consigliere interroga il Presidente per sapere: cosa ne è stato dell'Accordo di Programma firmato nel 2002; cosa ne è stato del "Piano Spostamento Casa Lavoro" pagato a suo tempo all'ATR; chi è il Mobility Manager della Provincia; perché la Provincia di Forlì a differenza di quella di Rimini non riesce ad attuare le dovute azioni; come intende, perseguire l'obiettivo di "individuare le misure da applicarsi per il risanamento della qualità dell'aria e promuovere iniziative per l'istituzione di una rete di mobility manager".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -