Forlì-Cesena: gli immigrati sfondano la soglia dei 30mila

Forlì-Cesena: gli immigrati sfondano la soglia dei 30mila

Forlì-Cesena: gli immigrati sfondano la soglia dei 30mila

FORLI - Incontro in Provincia per parlare di immigrazione. Il presidente, Massimo Bulbi esordisce così: "Non e' facile parlare di immigrazione in questi tempi".Gli stranieri nel territorio di Forlì-Cesena hanno sfondato la soglia dei 30mila. Nel 2007, sono cresciuti del 18,4%, costituendo il 7,9% della popolazione residente, mentre, nel 2006, la percentuale era del 6,8%. La percezione da parte dei cittadini pare molto cambiata, rispetto a qualche anno fa.

 

"Ricordo bene che quando mi sono insediato tutti mi chiedevano di fare pressioni per aumentare le quote d'ingresso - racconta Bulbi - abbiamo le lettere in cui ci chiedevano più manodopera per tenere in vita l'agro-alimentare, l'industria meccanica e l'edilizia".

Alessandro Martelli (Universita' di Bologna) analizza i numeri: la componente femminile e' cresciuta del 21,4%, quella maschile del 15,8%. Ora gli uomini sono il 51,4% del totale. "E' l'effetto della crescita delle badanti", spiega Martelli. La classifica delle nazionalità più presenti vede in testa gli albanesi (5.404, il 17,7% del totale), poi i marocchini (4.335, 14,2%), i rumeni (4.208, 13,8%), i cinesi (2.194, 7,2%), i bulgari (1.561, il 5,1%), i tunisini (1.419, 4,7%), i polacchi (1.344, 4,4%), gli ucraini (1.113, 3,6%).

 

Nella scuola si avverte maggiormente il problema dei nuovi residenti, che, pero', si va spostando dalle materne (-9,6% di stranieri rispetto al 2006) e dalle elementari (-18,4%) alle medie (+18,4%) e soprattutto alle superiori (+57,1%). In totale, in tutte le scuole di ogni grado, gli stranieri sono stati, nell'anno scolastico appena concluso, 5.054 (+8,3%): incidono per il 10,5% sulla popolazione scolastica.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Paolo Zurla offre un'analisi della società nel rapporto con lo straniero: "Per sconfiggere il razzismo dobbiamo affrontare la paura del diverso. I cittadini sono impreparati a relazionarsi col diverso. Prendiamo il caso di un paese spopolato dell'Appennino. Dobbiamo spiegare all'anziano di quel paese che esce di casa il perchè il panorama attorno a lui e' cambiato".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -