Forlì-Cesena, i numeri della scuola: più alunni, meno universitari

Forlì-Cesena, i numeri della scuola: più alunni, meno universitari

Forlì-Cesena, i numeri della scuola: più alunni, meno universitari

Aumentano i ragazzi nella fascia d'età compresa tra i 6 e i 10 anni (+23,2% da dieci anni a questa parte), ma diminuiscono drasticamente quelli tra i 19 e i 24 anni (-20,1%). Gli stranieri danno un notevole apporto alla crescita del numero degli alunni iscritti alla scuola primaria (+22,1% rispetto al 1998). In calo costante dal 2003, invece, gli iscritti all'Università di Bologna. Sono alcune cifre del Quaderno Statistica "Istruzione e Lavoro 2008" della Camera di Commercio FC.

 

Tutti i numeri dalla scuola al lavoro nel 2008 in provincia: questo è il contenuto del Quaderno di Statistica "Istruzione e Lavoro 2008", curato a partire dal 1996 dall'Ufficio Statistica e Studi della Camera di Commercio di Forlì-Cesena. Il volume, in distribuzione gratuita presso lo stesso ufficio camerale, è disponibile anche sul sito camerale all'indirizzo www.fc.camcom.it. Nella pubblicazione sono raccolti i dati della provincia legati al mondo dell'istruzione, della formazione professionale e dell'occupazione: tutti gli iscritti per ogni ordine di scuola, dalla Primaria alla Secondaria fino all'Università; i numeri delle forze di lavoro (fonte Istat), della Cassa Integrazione e, da alcuni anni, quelli dei Centri per l'Impiego.


Analizzando le variazioni nel tempo, si rilevano alcuni aspetti significativi:
In riferimento all'istruzione, la popolazione da 6 a 24 anni, residente nella provincia di Forlì-Cesena, è composta, per l'anno 2008, di 62.500 unità. Negli ultimi 10 anni tale dato ha subito piccole variazioni dovute all'aumento del numero di ragazzi nella fascia d'età 6-10 anni (+23,2% negli ultimi 10 anni) e al calo di quelli tra i 19 e 24 anni  (-20,1% rispetto a 10 anni fa).


Il numero di alunni iscritti alla scuola primaria è in costante crescita. Infatti negli ultimi 10 anni si è verificato un aumento del 22,1%, e del 2,8% per l'ultimo anno (relativamente al 2008 il numero di iscritti ammonta a 16.589 unità, dei quali il 4,6% frequenta scuole private paritarie e il 12,8% è composto da alunni stranieri).
Anche per la scuola secondaria si nota un aumento del numero degli iscritti in provincia negli ultimi 10 anni. Più precisamente per la scuola secondaria di primo grado si nota una crescita del 12,7% nel lungo periodo (10 anni) e del 3,4% nell'ultimo anno. Gli studenti frequentanti questo tipo di scuola, per l'anno 2008, sono 9.658, di cui il 12,9% è composto da studenti non italiani.


La scuola secondaria di secondo grado vede, invece, un aumento meno marcato nel lungo periodo (+10,2%) ed una diminuzione nell'ultimo anno (-0,7%). È interessante notare, inoltre, come il numero di studenti iscritti alle varie tipologie di liceo sia notevolmente aumentato: negli ultimi 10 anni tale variazione assume dimensioni notevoli: +36,8%. Per gli istituti tecnici si nota un leggero ma costante calo del numero di iscritti: -5% nel lungo periodo e -1,5% nell'ultimo anno. Anche gli istituti professionali risentono della diminuzione del numero di studenti : -3% nel medio periodo (5 anni) e -4,5% solo nell'ultimo anno. Gli studenti stranieri che frequentano questo tipo di scuola rappresentano l'8,8% , percentuale inferiore rispetto a quella della scuola primaria e secondaria di primo grado. 


Gli iscritti all'Università degli Studi di Bologna, nel complesso, sono in costante flessione dal 2003, anno in cui tale numero era pari a 104.000 unità. Per l'anno accademico 2007-2008 il numero di iscritti è calato del 14,6% (2008 su 2003). Anche per gli studenti universitari iscritti al polo bolognese ma residenti a Forlì-Cesena si nota un calo deciso (-7,5% per gli ultimi 5 anni).
L'Ateneo bolognese, frequentato da 8.164 residenti in provincia di Forlì-Cesena nell'anno accademico 2007/2008, assorbe l'84% degli studenti universitari forlivesi, Urbino il 6,5%; il resto è distribuito soprattutto a Ferrara (1,8%), Firenze (1,2%).


Sono invece oltre 11.000 gli studenti iscritti alle sedi forlivesi e cesenati, per il 52% provenienti dalla Romagna (Forlì-Cesena, 28%, Ravenna, 14,3 e Rimini, 9,6%)
Alcuni dati relativi al Lavoro: la popolazione in età lavorativa (14 anni e oltre), in provincia di Forlì-Cesena, ammonta, nel 2008, a 332.000 unità, delle quali il 53,6% rappresenta la forza lavoro pari a 178.000 unità.


Il numero di occupati resta invariato per gli ultimi cinque anni e si attesta a 169.000 lavoratori dei quali, nell'anno 2008, 116.000 sono alle dipendenze.
Per quanto riguarda il tasso di occupazione si nota una progressiva diminuzione del valore di tale indice; infatti nel 2003 si attestava al 69,9% mentre per l'anno 2008 tale valore è pari al 66,5%. In modo speculare si è comportato il tasso di disoccupazione che dal 3,2% del 2003 passa al 5% del 2008. Percentuali in crescita anche nella cassa integrazione, con un forte aumento delle ore richieste rispetto all'anno precedente (2007), pari al +61,7%, soprattutto per quanto riguarda la "gestione ordinaria".

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Manù
    Manù

    Mi chiedo,con gli ulteriori tagli previsti dalla Gelmini, chi insegnerà a tutti questi bambini delle elementari il prossimo settembre...mia figlia inizierà a settembre, dovrò propormi per qualche ora come maestra e qualcun'altra come bidella?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -