Forlì-Cesena, il PdL: "Quali strutture per la seconda ondata dei profughi di Lampedusa?"

Forlì-Cesena, il PdL: "Quali strutture per la seconda ondata dei profughi di Lampedusa?"

FORLI' - Sull'accoglienza dei profughi di Lampedusa arriva una nuova interrogazione di Stefano Gagliardi, capogruppo PDL, e Valerio Roccalbegni, consigliere PDL. I due consiglieri pidiellini ricordano che "la situazione ad oggi è la seguente: con il flusso di profughi a livello nazionale attestato a 10.000 unità, in Emilia-Romagna in base ad una ripartizione su base demografica ne dovrebbero arrivare 838, di cui 74 in provincia di Forlì-Cesena. Ora in provincia ne sono presenti 52, di cui 5 sono già andati all'estero".

 

"Quelli presenti sono attualmente dislocati nelle seguenti strutture: 12 all'ex scuola di Oriola a Cesena, 12 al centro Buon Pastore Caritas di Forlì, 6 (tre nuclei famigliari) in appartamenti nel Comune di Portico-San Benedetto, 6 nella struttura per rifugiati politici in viale Roma a Forlì, 3 in un appartamento della cooperativa Kara Bobowski di Modigliana, 5 a San Piero in Bagno all'hotel Turismo e altri 5 all'ostello della gioventù di Santa Sofia".

 

Tuttavia, per Gagliardi e Roccalbegni "si sarebbe completata la prima fase del piano nazionale di accoglienza, ovvero quella che ha visto assegnare alla regione Emilia Romagna 838 migranti sui 10mila registrati in Italia da aprile ad oggi, mentre una seconda fase prenderà il via la settimana prossima, con la previsione dell'arrivo di 10 mila nuovi extracomunitari". Per questo si chiede "se con questa nuova tranche si renderà necessario l'allargamento della platea dei comuni coinvolti,

in caso di risposta positiva quali strutture della provincia di Forlì-Cesena sono state valutate potenzialmente idonee".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -