Forlì-Cesena: il turismo vale il 25% del Pil provinciale

Forlì-Cesena: il turismo vale il 25% del Pil provinciale

Forlì-Cesena: il turismo vale il 25% del Pil provinciale

FORLI' - Con i fondi europei del piano ‘Por-Fesr' piovono sulla provincia di Forlì-Cesena 2 milioni e 683mila euro, contributi che finiranno a 52 progetti capaci di mobilitare risorse per 9 milioni di euro complessivi. Le domande arrivate erano 78, di cui 67 giudicate ammissibili. A fornire il dato è la Provincia di Forlì-Cesena. I fondi giungeranno principalmente ad attività turistiche e commerciali, che hanno presentato progetti giudicati fattibili.

 

"Innovazione e qualità dello sviluppo", sintetizza il vice-presidente della Provincia Guglielmo Russo, sottolineando che non si tratta di erogazioni a pioggia, "ma su un piano di coerenza della programmazione del territorio". "Due terzi delle risorse finiscono ai piccoli Comuni", aggiunge da parte sua l'assessore al Turismo Iglis Bellavista.

 

Secondo una stima della provincia di Forlì-Cesena, il turismo e il suo indotto rappresentano il 25% del Pil provinciale, grazie agli arrivi di turisti che nel 2009 hanno sfondato il milione di unità, in gran parte concentrati sulla costa. Il progetto più significativo vedrà un contributo di circa 200 mila euro, dal momento che è stato presentato un piano di investimenti da 700 mila euro (finanziabile per il 30% in base al bando di erogazione delle provvidenze).

 

Tra le proposte più rilevanti c'è quella di una locanda tipica nel borgo medievale di Pianetto (Galeata), collegata ai progetti di valorizzazione dell'area archeologica di Mevaniola e la cosiddetta ‘Villa di Teodorico'. Sul versante cesenate, si rileva il progetto di circa 150 stabilimenti balneari di Cesenatico che si sono messi assieme per dotarsi di biciclette, bidoni per la raccolta differenziata in spiaggia e totem promozionali della bellezze artistiche e paesaggistiche dell'entroterra romagnolo.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -