Forlì-Cesena, il 'tavolo verde' approva il piano grandine della Provincia

Forlì-Cesena, il 'tavolo verde' approva il piano grandine della Provincia

Il "Tavolo verde", che riunisce tutti i soggetti del mondo dell'agricoltura della provincia di Forlì-Cesena, nella riunione di giovedì, ha approvato il piano proposto agli istituti bancari dall'assessore provinciale alle Politiche agroalimentari Gianluca Bagnara, per il consolidamento dei debiti delle imprese vittime della grandine.

 

Nel territorio di Forlì-Cesena la superficie agricola colpita dall'avversità è stata valutata pari complessivamente a 29 mila ettari, di cui 2.300 ettari nella Comunità Montana dell'Appennino Cesenate e 3.300 ettari nella Comunità Montana Forlivese. In base alla valutazione del Servizio Agricoltura della Provincia, la produzione agricola (PLV) colpita è di 52 milioni di euro con un danno stimato del 45%. I danni ammontano quindi a circa 23,4 milioni di euro.

 

Il Servizio Agricoltura della Provincia coordinato dal Dr. Gian Luca Ravaglioli ed in particolare l'Ufficio Eventi Straordinari in Agricoltura coordinato dal Dr. Franco Piazza, ha completato in tempi ristrettissimi (25 giorni) la delimitazione delle aree e la verifica puntuale delle oltre 700 segnalazioni. Le aree colpite interessano alcuni Comuni il cui territorio è stato interessato parzialmente (Predappio, Civitella di Romagna, Meldola, Forlì, Cesena, Cesenatico, Borghi, Mercato Saraceno e Roncofreddo) mentre altri interamente (Forlimpopoli, Bertinoro, Gambettola, Gatteo, Longiano, Montiano, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone).

 

Purtroppo le grandinate sono avvenute in un periodo critico in cui le colture agrarie sono in attualità di coltivazione e molte prossime alla raccolta e pertanto i costi delle anticipazioni colturali sono già stati interamente sostenuti. Di conseguenza, al fine di far fronte a tale emergenza, gli istituti di credito erano stati chiamati ad individuare strumenti di ristrutturazione del credito da breve a medio termine al fine di alleggerire il peso delle anticipazioni culturali.

 

Le banche interverranno a supporto del piano della Provincia per i danni da grandine. La Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, la Unicredit Banca e la Banca di Cesena hanno aderito al piano, al fine di attuare una proroga delle operazioni di credito agrario (con il supporto di Agrifidi) in base ai "Criteri attuativi della Legge Regionale n.43 del 1997, come modificata dalla Legge Regionale n.17 del 2006, che prevede finanziamenti bancari a medio-lungo termine per avversità atmosferiche finalizzati a: a) necessità della conduzione aziendale derivanti dalle perdite di prodotto; b) ripristino, ricostruzione e riconversione delle strutture fondiarie aziendali danneggiate, ivi compresi impianti arborei, vivai, serre e opere di viabilità aziendale.

 

In base al piano proposto, la cooperativa di garanzia Agrifidi può supportare le aziende colpite nelle istruttorie bancarie e, qualora necessario, attivare la garanzia di SGFA - Società Gestione Fondi per l'agroalimentare - a cui sono state conferite, Dlgs 29 marzo 2004, n.102 (art.17 comma 1) e legge 30 dicembre 2004, n.311 (art. 1, comma 512). Gli impegni di SGFA sono poi contro-garantiti dallo Stato (articolo 10, comma 7 del Decreto Legge 14 marzo 2005 , n. 35, convertito in Legge 14 maggio 2005, n. 80, e successivo Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 24 marzo 2006).

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -