Forlì-Cesena, imprese. Incoraggianti i dati relativi all'export

Forlì-Cesena, imprese. Incoraggianti i dati relativi all'export

Forlì-Cesena, imprese. Incoraggianti i dati relativi all'export

FORLI'-CESENA - Proseguendo il progetto avviato nel 2008, Confindustria approfondisce ulteriormente la conoscenza di internazionalizzazione e commercio estero, quest'anno letti come mezzi indispensabili per permettere alle aziende di uscire dalla crisi.  Le imprese del territorio forlivese e cesenate hanno da sempre manifestato una vocazione all'export, confrontandosi con altri mercati: una scelta che può essere vincente, se affrontata nel modo giusto. I dati relativi al terzo trimestre 2010 sono incoraggianti.

 

I dati forniti da Coeweb Istat (https://www.coeweb.istat.it/) evidenziano che, dopo il calo del 2009 (-27,8% per l'export e -18,8% per l'import rispetto al 2008), i dati relativi al terzo trimestre del 2010, a confronto con lo stesso periodo dello scorso anno, registrano un +14,2% per quanto riguarda l'export della Provincia verso il mondo e un valore di import del +19,1%. I dati inerenti l'Emilia Romagna sono rispettivamente del +14,7% e del +17,9%; quelli relativi all'Italia del +14,3% e del + 20,9%.

 

In questo scenario, non basta commerciare con l'estero, ma è necessario capire le dinamiche, affrontare nuove tipologie di lavoro, conoscere i prodotti richiesti dagli altri Paesi. Dai dati Coeweb Istat per l'anno 2009 risulta che la parte più consistente delle esportazioni provinciali è rappresentata da "macchine ed apparecchiature meccaniche" (17,8% del totale), seguita da "articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili" (11%). Per le importazioni, invece, le due voci principali sono "prodotti alimentari" (19,5%) e "macchine e apparecchiature meccaniche" (10,7%).

 

Alla luce di tutto questo, le aziende dovranno necessariamente adeguarsi al nuovo mercato, ripensando strategie, organizzazioni d'impresa e specializzazioni produttive.

 

L'obiettivo del Forum d'Impresa per l'Internazionalizzazione, realizzato anche grazie al contributo finanziario della Camera di Commercio di Forli-Cesena, è proprio di incrementare la cultura d'impresa, percorrendo la strada del confronto e del dibattito. Per questo il Forum, organizzato per giovedì 24 febbraio alle ore 16 presso l'ENAV di Forlì, si propone di riunire imprese di diversi settori, in grado di scambiarsi esperienze e testimonianze.

 

Così, dopo i saluti di Vincenzo Colonna, Vice Presidente per l'Internazionalizzazione di Confindustria Forlì-Cesena, di Alberto Zambianchi, Presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, e di Giuseppe Badetti, Direttore ENAV Academy, il dibattito verterà immediatamente sul tema "Superare la crisi, le sfide dei nuovi mercati", con l'intervento di Luca Paolazzi, Direttore del Centro Studi Confindustria.

 

La vera anima dell'incontro, quella del confronto, che permette agli imprenditori di illustrare e condividere le proprie esperienze per "fare impresa insieme", prevede gli interventi di Cesare Trevisani, Amministratore Delegato del Gruppo Trevi, Alfredo Aureli, Amministratore Delegato di SCM Group e Andrea Soriani, Direttore Marketing di Maserati North America, che racconteranno le proprie esperienze e faranno il punto tra crisi e crescita, per lasciare poi spazio agli interventi e ai quesiti del pubblico, aprendo il dibattito conclusivo.

A fine lavori, per permettere di approfondire ulteriormente l'incontro tra gli ospiti in un'atmosfera conviviale, verrà servito un aperitivo multiculturale, con cibi e vini da tutto il mondo.

La partecipazione al 2° Forum d'Impresa per l'Internazionalizzazione è gratuita, ma per motivi organizzativi è necessario comunicare la propria adesione alla Segreteria di Confindustria (e-mail info@assindfc.it) entro il 18 febbraio 2011.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -