Forlì-Cesena, incontro con la Camera di Commercio dedicato alla Slovacchia

Forlì-Cesena, incontro con la Camera di Commercio dedicato alla Slovacchia

La Camera di Commercio di Forlì-Cesena, nell'ambito del programma di internazionalizzazione per le imprese provinciali, organizza una "Giornata Paese" dedicata alla Slovacchia. L'iniziativa, prevista per martedì 28 settembre p.v. a partire dalle ore 9,30 nella sede Camerale a Forlì, Corso della Repubblica 5 (Sala del Consiglio - 2°piano), è gratuita.


L'incontro sarà aperto da Antonio Nannini, Segretario Generale dell'Ente camerale e da Alvaro Ravaglioli, Console onorario della Repubblica di Slovacchia; seguirà l'intervento di un rappresentante dell'Ambasciata della Repubblica di Slovacchia in Italia, "Presentazione del mercato slovacco: opportunità di business per le imprese italiane"; Marino Mersich, Vice Presidente della Camera Italo Slovacca, parlerà di come "Fare impresa in Slovacchia - Una testimonianza". Da ultimo Stefano Acerbi, responsabile dell'Area Internazionalizzazione di Confindustria Vicenza presenterà il Centro Servizi a Samorin.


Al termine dell'incontro sarà possibile per gli intervenuti - sono circa una ventina le imprese multisettoriali già in elenco - incontrare individualmente i relatori per porre domande e affrontare con loro problematiche particolari.


La Repubblica Slovacca fa parte dell'Unione europea dal 1°maggio 2004 e ha adottato l'euro nel 2009.


Nel 2007 si è osservata una straordinaria crescita economica, che ha successivamente subito un brusco arresto a causa della grave crisi che ha colpito il mercato internazionale. Nonostante la crisi abbia avuto conseguenze negative sull'economia del Paese, la Slovacchia è stata uno dei Paesi di nuovo ingresso nell'Ue che ha meglio reagito al fenomeno.


Agricoltura e industria hanno sempre rappresentato i due principali settori dell'economia, ma negli ultimi anni si è assistito ad una diversificazione produttiva, con netto incremento del settore dei servizi .Circa il 30% dei territori è considerato arabile, anche se la produzione agricola slovacca non riesce a coprire il fabbisogno nazionale ed è necessaria l'importazione da altri Paesi. Per quanto riguarda il settore industriale, si sta procedendo alla riconversione dell'industria pesante. Nel campo dell'industria leggera, il settore dei mobili, della carta, dei mezzi di trasporto sono i più sviluppati.

Alcuni dati relativi all'import/export: il valore dell'export 2009 della provincia di Forlì-Cesena verso la Slovacchia è pari a 18.849.385 euro, (con un'incidenza dello 0,9% sul totale export provinciale); rispetto al 2008 il dato è in crescita del +14,5%. La parte più consistente delle esportazioni è rappresentata principalmente dal gruppo"Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature, che costituisce il 21,4% del totale export.


L'import registra nel 2009 un calo pari al -19,2% rispetto all'anno passato, con un valore di 28.950.903 euro; "Prodotti delle altre industrie manifatturiere"  incidono per il 47,6% sul totale delle importazioni. Rispetto a questi dati 2009 si rileva tuttavia nei primi tre mesi 2010 un andamento diverso: la variazione export gennaio-marzo 2010/gennaio-marzo 2009 è del -41,8%, la variazione import per analogo periodo è uguale a +0,1%.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -