Forlì-Cesena, la Lega: ''Azzerare flussi migratori per il 2011''. Il Consiglio Provinciale dice no

Forlì-Cesena, la Lega: ''Azzerare flussi migratori per il 2011''. Il Consiglio Provinciale dice no

FORLI' - Il Consiglio Provinciale ha affrontato una serie di mozioni e ordini del giorno al termine delle interrogazioni. La Lega Nord, ha chiesto di "azzerare i flussi migratori per l'anno 2011". Al dibattito hanno partecipato Luciano Minghini (capogruppo Pd), Maria Grazia Bartolomei (capogruppo Udc), Veronica Gamberini (Pd), Valerio Roccalbegni (PdL), Isabella Castagnoli (PdL), Piero Gallina (Pd). Hanno votato a favore Lega Nord e PdL. Contrari Pd, Udc, Idv, Rif. Com.

 

L'ordine del giorno non è stato accolto. Un altro ordine del giorno, proposto dal gruppo consigliare di Rifondazione Comunista, ha riguardato una richiesta di moratoria della Legge Ronchi. Ha chiarito il capogruppo di Rifondazione Comunista Pier Giorgio Poeta: "L'ordine del giorno è mirato a chiedere la moratoria di una legge che andrà in vigore dall'inizio dell'anno in base al quale il referendum sulla privatizzazione dell'acqua, per cui si sono raccolte un milione e 400.000 firme, non si potrebbe fare. Sarebbe un fatto grave per la democrazia non tenere un referendum che ha raccolto tante firme. E' lo stesso ordine del giorno già approvato in Regione". Sul punto è intervenuto in modo contrario il capogruppo del PdL Stefano Gagliardi. L'ordine del giorno è passato con i voti favorevoli di Pd, Idv e Rif.Com. e il voto contrario di PdL, Udc e Lega Nord.

 

Il Consiglio Provinciale ha quindi discusso in modo articolato un secondo ordine del giorno proposto da Francesco Billi (Lega Nord) ed emendato da Giordano Anconelli (PdL) sul "sostegno alla necessità di revoca del trattamento pensionistico per i soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale o condannati per reati di terrorismo o di criminalità organizzata". Il   gruppo di Rifondazione Comunista ha proposto un suo testo emendato. Al dibattito sono intervenuti diversi consiglieri: Piero Gallina (Pd), Giordano Anconelli (PdL), Pier Giorgio Poeta (Rif. Com.), Giovanna Perolari (Idv), Fabio Dellamotta (PdL). Al voto, è risultato approvato il testo della Lega Nord con i voti favorevoli di Pd, PdL, Lega Nord e Udc (contrario l'Idv, astenuti Rifondazione e Gamberini del Pd). Il secondo testo, quello di Rifondazione Comunista, non è passato: 10 voti a favore, 11 contrari (PdL, Udc e Lega Nord), 8 astenuti (Idv, e nel Pd D.Zoffoli, Castagnoli, Gallina, Faedi, Greggi, Lelli).

 

Un terzo ordine del giorno ha toccato il tema del delitto di Novi di Modena e sul rapporto tra islam e dignità della donna. Il documento è stato proposto dalla Lega Nord e ha visto il dibattito che ha coinvolto i consiglieri Allegni e Gallina del Pd, I.Castagnoli (PdL), Bartolomei (Udc), Dellamotta (PdL), Giovanna Perolari (Idv), Luciano Minghini (Pd) e Valerio Roccalbegni (PdL).  Una seconda versione del testo dell'ordine del giorno è stata presentata da Pier Giorgio Poeta (Rif.Com.), sostenuto anche dall'Italia dei Valori e dal Pd. Al voto è risultato approvato il secondo ordine del giorno, con il voto di tutti i gruppi consigliari (astenuti Bartolomei dell'Udc e Dellamotta del PdL). Non è stato approvata, invece, la versione proposta dalla Lega Nord, che ha ricevuto il voto favorevole di Lega Nord e PdL, 16 voti contrari, 3 astenuti (Dellamotta del PdL, Bartolomei dell'Udc, Perolari dell'Idv).

 

 Sempre dalla Lega Nord è arrivato il quinto ordine del giorno in programma, relativo alle "iniziative di contrasto alle mafie e di sviluppo della legalità e della trasparenza da parte degli enti locali con l'impegno da parte della Provincia a costituirsi parte civile nei procedimenti per mafia che coinvolgono le amministrazioni", il cui relatore è stato Mauro Lontani (Lega Nord). Sono intervenuti Luciano Minghini (Pd), Pier Giorgio Poeta (Rif.Com) e Giovanna Perolari (Idv). Anche in questo caso Rifondazione Comunista e Italia dei Valori hanno proposto un loro documento emendato. La mozione della Lega Nord è stata infine approvata con i voti favorevoli di Pd, PdL, Lega Nord e Udc. Si sono astenuti Rif.Com. e Idv.  

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    No matteol, a chiudere aeroporti e pian piano asfissiare tutto il resto ci pensa la sinistra. N.B. Non si può fare in questo caso il nome di un partito perchè ogni anno cambiano, si separano si rimettono insieme, limonano (!) e si disconoscono a seconda.....così che sugli affari sporchi del passato ci sia sempre modo dio lavarsene le mani.

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Mi piacerebbe sapere COME la Lega aveva intenzione di bloccare i flussi migratori: recintiamo Forli'? Ci facciamo un bel muro attorno tipo quello di Berlino est? Chiudiamo l'aeroporto, la stazione e tutte le strade? Mah, immagino che a questo non c'avessero pensato. Oltretutto i "flussi migratori" sono anche quelli dei forlivesi verso l'esterno, non solo quelli degli immigrati. Molto grave invece la posizione del PdL, con gli accodati UdC e Lega, sul divieto di fare referendum contro la privatizzazione dell'acqua. Nessun paese puo' definirsi "civile" quando impone una cosa del genere ai suoi cittadini, e volerli zittire è degno del peggior regime comunista. Il nostro governo sta imparando solo le cose peggiori dal compagno Putin.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -