Forlì-Cesena, nasce servizio di “Temporary Manager” per le imprese

Forlì-Cesena, nasce servizio di “Temporary Manager” per le imprese

L'attivazione di uno sportello, denominato "Smart Counter", per proporre un servizio di Temporary Management alle imprese che ne facciano richiesta: questa è la finalità dell'accordo siglato da Camera di Commercio di Forlì-Cesena, Federmanager Forlì-Cesena Rimini RSM (Federazione nazionale Dirigenti Aziende Industriali), e CDi Manager srl (società di consulenza e servizi, partner di Federmanager).


Il "Temporary Manager", è un modello che, affermatosi nel mondo anglosassone già da anni, va diffondendosi anche nel nostro Paese: la formula del "manager temporaneo" assicura, a costi competitivi, la disponibilità di personale altamente qualificato nei processi di innovazione, internazionalizzazione, passaggio generazionale o pianificazione finanziaria, che le imprese del territorio si trovano a dover gestire. 


Come ricordato anche da Lamberto Garavini, Presidente di Federmanager, e da Federico Sacchi, Amministratore Delegato di CDi Manager, durante la presentazione dell'iniziativa, in un contesto economico e finanziario come quello attuale, che rende critici sviluppo e attività aziendali, è necessario mettere in atto ogni possibile azione sinergica tesa a mantenere la competitività imprenditoriale, sostenendo la crescita e la valorizzazione delle  competenze professionali. Partendo da queste considerazioni è nata l'iniziativa dello sportello Smart Counter, già diffusa in molte città italiane fra cui, in regione, a Bologna e Ferrara, iniziativa che si è concretizzata con la firma dell'accordo avvenuta nei giorni scorsi. Mediante il coinvolgimento dell'Ente camerale, di Federmanager e CDi Manager, si potranno effettuare presso gli uffici della Camera dei check-up gratuiti per identificare i bisogni prioritari delle imprese; in una seconda fase, le informazioni raccolte vengono fornite a Federmanager, che attraverso l'apporto operativo di CDi Manager, procederà al reperimento delle risorse adeguate, selezionate nell'ambito del proprio database, per l'avvio del temporary management; ultima fase: l'approvazione dell'imprenditore che gestirà direttamente con CDi Manager la fase contrattuale.


"La Camera di Commercio - dichiara Alberto Zambianchi, Presidente dell'Ente camerale - in sostanza attiverà uno sportello che funzionerà da "collettore/distributore" delle istanze di managerialità che esprimerà il territorio e a cui darà risposta CDi di Federmanager. Detto con parole ancor più semplici, ogni volta che un'impresa avrà bisogno di un "Temporary Manager" per condurre un progetto - sia esso di internazionalizzazione, o di tipo organizzativo oppure finanziario - potrà far riferimento alla Camera che in base all'accordo con Federmanager e CDi, metterà a disposizione un esperto professionale del settore richiesto. Ovviamente il fine principale che si persegue è quello di sostenere l'impegno delle nostre aziende alle prese con progetti, che da sole non riuscirebbero a portare a termine".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Venticinque76
    Venticinque76

    c'è compreso anche corso di inglese, per capire di cosa si tratti. NB. verranno forniti ottimi manager. Nei loro curricula, SEAF, SAPRO, ecc.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -