Forlì-Cesena, nella rete degli autovelox ci finisce l'1,7% degli automobilisti

Forlì-Cesena, nella rete degli autovelox ci finisce l'1,7% degli automobilisti

Forlì-Cesena, nella rete degli autovelox ci finisce l'1,7% degli automobilisti

FORLI' - I tre autovelox in funzione sulle strade provinciali del territorio di Forlì-Cesena hanno reso 408mila euro in totale nei primi due mesi e mezzo di funzionamento. In totale si tratta di circa 5.000 multe, con una media di 65 multe per eccesso di velocità al giorno. Numeri assoluti alti, ma che si ridimensionano se si prende in considerazione il livello di traffico: vengono multati solo l'1,7% degli automobilisti in transito. Sono i dati forniti dalla Provincia.

 

Questo significa che oltre il 98% degli automobilisti lungo le strade provinciali dove sono installate le apparecchiature, la Bidentina (tra Carpena e Meldola), la Cagnona (Tra San Mauro e Savignano mare) e la Vecchiazzano (tra Vecchiazzano e Castrocaro), rispettano i limiti di velocità. Insomma, l'effetto di deterrenza a quanto pare inizia a vedersi. Secondo i dati della Provincia, inoltre, circa 1.700 sono le multe per le infrazioni più gravi, vale a dire con velocità superiori di 10 km all'ora rispetto al limite di velocità, il 34% delle contravvenzioni (con sanzioni intorno ai 150 euro). Per il 66%, invece, l'importo della multa è di 38 euro.

 

"Questo indica che l'autovelox è un tassello della sicurezza stradale. Abbiamo difficoltà a presidiare le strade, il nostro corpo di polizia provinciale ha anche funzioni di controllo ambientale e venatorio e non possiamo dedicare che pochi uomini al controllo stradale", spiega l'assessore al Patrimonio Maurizio Brunelli, che respinge l'idea di autovelox usati per fare cassa. Anzi, continua Brunelli, "i cittadini ci chiedono in continuazione di metterli, anche su strade come le Cervesi di Forlì e di Cesena in cui non possiamo farlo per decisione della Prefettura".

 

Quanti soldi arrivano dagli autovelox? "Queste cifre non spostano un gran ché i numeri degli investimenti per le strade", spiega l'assessore provinciale ai Lavori pubblici Marino Montesi. Negli ultimi 5 anni, comunica la Provincia, per i mille chilometri di strade dell'ente sono stati spesi in media 26 milioni di euro all'anno in sicurezza stradale (rotonde, allargamenti, varianti, nuovi tracciati etc), di cui 5 milioni solo per la manutenzione ordinaria come gli asfalti, la segnaletica, le strisce e i piccoli interventi. "Se dagli autovelox in un anno ci possiamo aspettare 1,5-2 milioni di euro - continua Montesi -, si vede come non bastano neanche per coprire le cifre che solitamente spendiamo per l'ordinario". Per esempio solo per gli asfalti la Provincia spende circa due milioni all'anno.

 

Mentre ad essere colpita è comunque, sempre Brunelli, "una piccola minoranza che non rispetta le regole su delle strade in cui i limiti sono già piuttosto elevati". Non sono mancati casi in cui automobilisti sono sfrecciati davanti all'apparecchio ai 150 all'ora, dove c'è il limite dei 70 o 80. Così come non mancano i recidivi: il peggiore ha preso già 8 multe.

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Ma perchè non metterne uno pure sulla Cervese e ristabilire la parità in numero di autovelox con i cugini Cesenati piazzandone 2 sulle loro arterie di collegamento alla Costa? Mi pare che il sistema sia sbilanciato a scapito di chi proviene dalle valli del forlivese, nessuno dei comuni o delle comunità montane ha battuto ciglio su queste decisioni del gabibbo di Roncofreddo?

  • Avatar anonimo di Maximo
    Maximo

    E' tornato fuori il prode e difensore della giusizia Bartolini, era un pò che non lo si sentiva, ma perchè non ha commentato i casini che ha l suo Premier, l'immondizia a Napoli il lodo Alfano, ecc... e i migliaia di lavoratori che sono senza un lavoro mentre il governo pensa al lodo Alfano?! Caro Bartolini, forse non sai che da quando sono stati installati gli autovelox gli incidenti sono diminuiti in maniera esponenziale, e lo posso affermare con sicurezza. Se la gente rispettasse le regole cosa che in Italia non va più di moda non ci sarebbe bisogno degli autovelox. Quindi smettiamola con queste uscite populiste. Quale sarebbe la soluzione per indurre la gente ad andare più piano? Purtoppo non basta la tirata d'orecchie o le iniziative che vengono fatte sulla sicrezza stradale, ma l'italiano medio capisce le cose solo quando gli si va attorno al portafoglio. Poi concordo pienamene coi commeti precedenti, bisogna conscere le regole della strada e mantenere la velocità giusta, perchè è innammissibile, vedere gente che inchioda o che va a 30km/h erchè c'è l'autovelox. Quindi diamoci un taglio con le battaglie inutili solo per fare slogan e demagogia.

  • Avatar anonimo di Mafra4
    Mafra4

    Scusate aggiungo al quadro anche quello in Via Ravegnana direzione Ravenna tarato ahimè ai 50 Km/h.

  • Avatar anonimo di Alighiero
    Alighiero

    comprendo e condivido lo sfogo e l'esortazione a non "inchiodare" in prossimità degli autovelox,(attentando tra l'altro proprio a quella sicurezza stradale motivo dell presenza degli autovelox) ma fatevi una domanda e provate a darvi una risposta: nell'italia di oggi ove regnano soprusi truffe corruzioni come si può condannare chi non si fida, come si può evitare il sospetto di potersi trovare a transitare davanti ad un autovelox perfettamente tarato ? la risposta ? alcuni se la danno rallentando ampiamente sotto al limite di velocità, e voi ? io per me non saprei.

  • Avatar anonimo di Mattia
    Mattia

    A questo punto mi sembra doveroso ricordare che quello sulla Bidentina a Carpena è settato agli 80 km/h. Capisco passarci ai 70, ma ai 40 come capita certe volte mi sembra esagerato!!! LEGGETE I CARTELLI!!!

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    Concordo pienamente con Bandito!... e ricordo quello di Via Costanzo II con limite 70Km/h.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -