Forlì-Cesena: processo rinviato, un'ancora per il salvataggio di Sapro

Forlì-Cesena: processo rinviato, un'ancora per il salvataggio di Sapro

Forlì-Cesena: processo rinviato, un'ancora per il salvataggio di Sapro

FORLI' - Un rinvio che per il Comune di Forlì e Sapro è stato provvidenziale: in occasione della prossima udienza in tribunale, infatti, la società pubblica per l'urbanizzazione delle aree industriali conta di approdare in tribunale con un piano siglato con i creditori che permetta di scongiurare il fallimento, richiesto dalla Procura della Repubblica. E' stato un prevedibile rinvio quello di martedì al tribunale civile di Forlì. Il giudice Cristina Salvadori ha concesso tempo fino al 18 maggio.

 

Sapro, società al cento per cento pubblica (Provincia, Comune di Forlì, Comune di Cesena e altri piccoli municipi), versa in gravi difficoltà per il blocco del mercato immobiliare. L'indebitamento è stimato in 108 milioni di euro, che determina circa 4 milioni di euro di interessi passivi all'anno. Il patrimonio, di converso, costituito in gran parte da suoli edificabili, ha un valore stimato in circa 120 milioni di euro, un patrimonio che tuttavia resta sulla carta fino a quando non trova effettivi acquirenti.

 

La situazione di crisi ha colpito in particolare la Procura, che con il pm Filippo Santangelo ha chiesto il fallimento della società, sebbene nessuno dei creditori, in gran parte istituti bancari, abbia fino ad ora avanzato una richiesta simile. Gli occhi erano tutti puntati su un piano di rientro, che tuttavia non è arrivato entro la prima udienza utile, quella del 13 aprile. Ora ci sarà un altro mese di tempo per concludere l'accordo con le banche, basato su un "congelamento" dei debiti per due anni.

 

In udienza, davanti al giudice Salvadori, il Comune di Forlì (difeso dall'avvocato Antonio Carullo) si è opposto al fallimento. La società Sapro, invece, è rappresentata in udienza dagli avvocati Rita Rolli e Giorgio De Lerma).

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di engel
    engel

    tutti vogliono coprire , perchè se quel bravo magistrato ottiene il fallimento , potrebbe visionare chi a preso i soldi . nessuno aiuto e nessuna pieta , che il PM Dottor Filippo Santangelo faccia il suo corso .

  • Avatar anonimo di engel
    engel

    in questo periodo di crisi un piccolo imprenditore o un commerciante può anche morire , neinte aiuto dalle banche ( perfide e traditrici ) e tanto meno dallo stato , solo tasse , spese e pignoramenti . Sapro Azienda costruita dai comuni che in 5 anni a effettuato un buco di oltre 110 milioni di euro con i soldi dei cittadini . ma questi milioni di euro dove sono , chi se le intascati , quale società a fatto sparire questi soldi .

  • Avatar anonimo di pagnoncelli
    pagnoncelli

    un "congelamento" dei debiti per due anni questa è bella

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -