Forlì-Cesena, Provincia a fianco delle coop sociali: "Difendere il lavoro dei disabili"

Forlì-Cesena, Provincia a fianco delle coop sociali: "Difendere il lavoro dei disabili"

Forlì-Cesena, Provincia a fianco delle coop sociali: "Difendere il lavoro dei disabili"

FORLI'-CESENA - La Provincia sostiene la protesta dei sindaci di Cesena e Cesenatico e si schiera con i due Comuni al fianco delle cooperative sociali per difendere il lavoro dei disabili. Con una lettera Massimo Bulbi ha scritto al presidente di Hera Tommasi di Vignano per chiedere che nelle procedure di esternalizzazione di Hera siano seguiti criteri che tengano conto non solo del valore economico, ma anche della salvaguardia dell'impiego dei lavoratori con disabilità delle cooperative sociali di tipo B

 

Cooperative che da tempo sono incaricate di mansioni di igiene ambientale.

 

Come le lettere dei sindaci, anche quella del presidente Bulbi è indirizzata in copia all'amministratore delegato Maurizio Chiarini, al Presidente del Comitato di sindacato dei soci pubblici Daniele Manca, al componente locale del cda Roberto Sacchetti, e per conoscenza alle cooperative sociali.

 

 

Questo il testo della lettera del presidente Bulbi:

 

"La Provincia di Forlì-Cesena, preso atto della posizione del Comune di Cesena e del Comune di Cesenatico in ordine alla presa di posizione di Hera sull'adozione delle procedure di esternalizzazione di parte dei servizi di raccolta e spazzamento basate esclusivamente sul criterio del valore economico, ricorda come da sempre ha assunto tra le proprie linea guida l'attenzione al mondo della cooperazione sociale, che da sempre rappresenta una risorsa imprenditoriale del territorio.

 

Ancora di recente, in occasione dell'incontro con il mondo della cooperazione sociale tenutosi presso la sua sede, la Provincia di Forlì-Cesena ha ribadito con convinzione il proprio impegno nei confronti delle cooperative sociali, confermando il proprio indirizzo consolidato di privilegiare, nell'affidamento degli appalti di servizi, la formula dell'offerta economicamente più vantaggiosa, meccanismo di aggiudicazione che non tiene in considerazione solo la dimensione economica, ma anche la progettualità nel fornire i servizi e l'impegno sociale sul territorio attraverso l'inclusione e tutela dei lavoratori con disabilità.

 

Pertanto, appare irrinunciabile nel territorio provinciale il valore aggiunto che le politiche consolidate nell'ambito dell'integrazione sociale dei portatori di disabilità nel mondo del lavoro hanno consentito di dare un'occasione di impiego, su circa cento persone che da molti anni, a Cesena, svolgono per Hera i servizi di raccolta e spazzamento, oltre trenta sono persone con disabilità.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per queste ragioni, la Provincia intende sostenere con forza l'orientamento espresso dai Sindaci di Cesenatico e di Cesena e si associa al loro invito formulato ad Hera a predisporre procedure di esternalizzazione che non guardino al solo valore economico ma anche alla volontà politica di vedere difesi le donne e gli uomini di questo territorio ed i servizi a loro dedicati, per continuare a garantire il mantenimento di tutti i livelli occupazionali attuali e operare per salvaguardare qualità dei servizi resi e tutela delle persone più deboli".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -