Forlì-CEsena, rinnovato il contratto della panificazione: la soddisfazione della Fai-Cisl

Forlì-CEsena, rinnovato il contratto della panificazione: la soddisfazione della Fai-Cisl

E' stato sottoscritto il 1° Dicembre, in tarda serata, il rinnovo del contratto nazionale della panificazione: organizzazioni firmatarie Fai Cisl,  Flai Cgil, Uila Uil, Federpanificatori e Fiesa-Confesercenti. Si è concluso così un processo storico di riunificazione, ricercato da anni, e che ha visto il momento decisivo nel precedente accordo del dicembre 2007, sottoscritto però solo da Fai Cisl  e Uila Uil.

 

Complessivamente i contenuti dell'accordo sono quanto serviva al Settore, aziende e lavoratori. Retribuzione, Bilateralità, Fondo Integrativo Sanitario e Contrattazione Territoriale più strutturata confermano il nuovo clima di concreta affidabilità scaturito dall'Accordo Interconfederale del 22 gennaio scorso sul nuovo Modello contrattuale, ma che sta segnando le Relazioni Sindacali con una nuova etica della responsabilità.

 

"Poter condividere questa soddisfazione anche con la Flai Cgil che nelle precedenti tornate contrattuali non aveva firmato, è  motivo di orgoglio per tutti.- afferma il segretario generale  provinciale , Lidia  Foschi - "peccato che, come sempre, anche nelle feste migliori c'è sempre un retrogusto amarognolo  e in questo caso esso è il rammarico nell'assistere all'atteggiamento recalcitrante di Assipan-Confcommercio, la quale non ha saputo distinguere le proprie ragioni dai propri doveri finendo negli steccati di un torto sterile a danno delle aziende associate. Di questo insanabile, velleitario protagonismo siamo dispiaciuti tanto da sperare che vi sia da parte di una grande Organizzazione, come è Confcommercio, un positivo ripensamento. Siamo convinti infatti che questo settore abbia bisogno non di trappole e dumping, ma di ricostruire sinergie e unità di intenti".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -