Forlì-Cesena, rinnovi e conferme ai vertici di Legacoop

Forlì-Cesena, rinnovi e conferme ai vertici di Legacoop

Valdes Onofri, Monica Fantini, Mauro Pasolini, Enrica Mancini, Elena Grilli, Gabriele Zelli e Antonio Zampiga

FORLI'-CESENA - Conferma per il presidente in carica Mauro Pasolini, al terzo mandato, e il direttore Monica Fantini, due nuovi vicepresidenti (Elena Grilli di CAD e Mario Tamanti di Apofruit Italia) e cinque nuovi ingressi nel Consiglio di Amministrazione di Legacoop Forlì-Cesena. Questi i risultati del ventitreesimo congresso dell'associazione, che ha rinnovato per quattro anni i vertici.

Insieme a Tamanti i nuovi ingressi nel CDA di Legacoop Forlì-Cesena sono Lisa Tormena (Sunset), Luca Benedettini (COCIF), Davide Ceccaroni (Novacoop) e Marcello Strada (Coop Adriatica). Conferma per Maurizio Angeli (Polo Autotrasporti), Domenico Balestri (CAIEC), Alberto Bonamici (CEIF), Cristina Campana (La Fonte), Lauro Giovannini (Due Tigli), Elena Grilli (CAD), Luana Grilli (Il Mandorlo), Sergio Lorenzi (CEAR), Agostino Mainetti (Idrotermica Coop), Mario Natale Mezzanotte (Conad), Luca Panzavolta (Conad), Giovanni Piersanti (CAC), Graziano Rinaldini (Formula Servizi), Paola Rossi (Acquarello) ed Enrico Salvi (CLAFC).  La direzione operativa è formata, oltre che dal direttore Monica Fantini, da Valdes Onofri (Produzione Lavoro), Enrica Mancini (Welfare), Gabriele Zelli (Servizi, Logistica e Trasporti) e Antonio Zampiga (Agroalimentare).

«Non possiamo nasconderci - ha detto Pasolini all'assemblea congressuale, che se è vero che non fuggiamo e che sappiamo reagire mettendo in gioco patrimoni e risorse è altrettanto vero che il costo che stiamo pagando è più alto e la nostra tenuta è realmente a rischio. È questo il momento per la politica di ridefinire senza indugi gli equilibri di questa regione». E alle altre centrali cooperative, che a livello nazionale si sono già unite con Legacoop nell'Alleanza Cooperativa Italiana, ha lanciato un messaggio: «Il percorso per superare le nostre divisioni finalmente è iniziato ed è irreversibile. Noi dobbiamo renderlo semplice e veloce». A livello locale il progetto è di: «valorizzare le opportunità ambientali dell'intero territorio provinciale dandogli una dimensione urbana», coniugando il patrimonio esistente, «uno dei più rilevanti d'Italia costruito in cinquant'anni di buone politiche», in un unico progetto che coinvolga l'intera area romagnola. E sulla questione "Romagna" Pasolini ha invitato a superare le sterili dispute di confine. «Si potrà aprire un confronto interregionale fra i due territori, perché di due territori si tratta, solo se la questione Romagna sarà sviluppata con l'impegno di definire un progetto comune di riorganizzazione sociale che corrisponda alle esigenze dell'insieme e non delle singole realtà».

Per superare il rischio del declino e non perdere definitivamente il confronto con la globalizzazione, Pasolini ha rigettato l'idea dei dazi. La parola chiave è "sussidiarietà", cioè  «dare vita a un modello sociale e a un sistema economico che permettano al privato di ereditare il ruolo sin qui svolto dal pubblico». Il presidente di Legacoop ha rivendicato il ruolo svolto dalle piccole e medie imprese radicate nel territorio. «Senza le protezioni, i vantaggi e il protagonismo mediatico della grande industria non minacciano migrazioni e sono da sempre la vera forza e la vera fonte di ricchezza, anche sociale, del nostro Paese. Il mondo cooperativo rappresenta 43.000 imprese, 12 milioni di soci, oltre un milione di occupati e 127 miliardi di fatturato. Qualche cosa in più della FIAT. Sarebbe interessante calcolare quanto è costato allo Stato questo sistema rispetto a quanto ci è costata sin qui la sola FIAT».

Durante il Congresso, svolto l'11 febbraio a Cesenatico, hanno preso la parola il Sindaco della città Nivardo Panzavolta, il presidente della Provincia Massimo Bulbi, i Sindaci di Forlì e Cesena, Roberto Balzani e Paolo Lucchi e il presidente della Camera di Commercio Alberto Zambianchi. Le conclusioni sono state affidate al presidente di Legacoop nazionale, Giuliano Poletti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -