Forlì-Cesena, sabato la giornata provinciale della Protezione Civile

Forlì-Cesena, sabato la giornata provinciale della Protezione Civile

FORLI' - Le 37 associazioni di protezione civile del territorio provinciale, con i loro circa 600 aderenti, sono chiamate a raccolta dal Vice-presidente della Provincia Guglielmo Russo, per la seconda edizione della "Giornata provinciale della Protezione Civile", un momento conviviale d'incontro, di resoconto e di premiazione sull'attività svolta nel corso dell'anno, ma anche un momento per approfondire i temi della vulnerabilità e della manutenzione del territorio. L'appuntamento è per sabato 13 Novembre 2010, alle  9,30 in a via Cadore 75 a Forlì, sede del Centro unificato provinciale di protezione civile, la "casa" dei volontari di protezione civile attivi sul territorio. Sarà una giornata di sintesi e condivisione delle esperienze vissute, della risposta pronta che molte associazioni hanno reso di fronte alle diverse emergenze del territorio, al costante impegno "in tempo di pace" per rafforzare e consolidare la preparazione all'emergenza.

 

La giornata prevede una serie di interventi. Parleranno Guglielmo Russo (Vice-presidente e assessore alla Protezione Civile della Provincia di Forlì-Cesena), Angelo Trovato (Prefetto di  Forlì-Cesena), Demetrio Egidi (Direttore dell'Agenzia regionale di Protezione Civile ), Roberto Cimatti e Claudia Casadei (Servizio Ambiente e sicurezza del territorio della Provincia di Forlì-Cesena), Nicola Toscano (Presidente del Coordinamento provinciale di volontariato di protezione civile), Matteo Cicognani e Lorenzo Mirelli (Coordinamento provinciale di volontariato di protezione civile). Dopo la consegna degli attestati ai volontari, terrà le conclusioni Paola Gazzolo (Assessore  regionale alla Sicurezza territoriale). Infine è previsto il pranzo a cura del coordinamento stesso.

 

In particolare saranno messe in rilievo le attività svolte in questo anno, sempre caratterizzate dalla sinergia tra le varie componenti del sistema provinciale: Prefettura, Vigili del Fuoco, Corpo Forestale dello Stato, Agenzia regionale di Protezione Civile, tecnici di Provincia, Comuni e Comunità Montane, oltre ai volontari delle varie associazioni.

 

Tra le attività svolte dal volontariato di protezione civile in questo anno si ricorda la frana di Corniolo del 18 marzo 2010 (con attività di supporto alle istituzioni da parte di alcune associazioni aderenti al Coordinamento, ripristino di telecomunicazioni, assistenza alla popolazione, supporto nella gestione della viabilità), il servizio di prevenzione degli incendi boschivi (17 associazioni aderenti al Coordinamento provinciale che hanno svolto dal 3 luglio al 6 settembre 2010 un'intensa attività di avvistamento degli incendi boschivi nei 19 punti dislocati sul territorio provinciale a difesa del patrimonio boschivo; sono 150 i volontari formati e dotati di DPI che possono ad oggi operare sul fronte fuoco e circa 180 quelli adibiti al solo avvistamento) ed infine domenica 29 agosto 2010 le operazioni di rimozione dell'ordigno bellico inesploso rinvenuto il 9 luglio scorso nell'alveo del fiume Savio a Cesena (supporto delle forze di volontariato per un totale di circa 150 operatori impiegati nelle procedure di evacuazione, perimetrazione e interdizione della viabilità e assistenza alla popolazione).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -