Forlì-Cesena, sciame sismico: un centinaio di scosse strumentali

Forlì-Cesena, sciame sismico: un centinaio di scosse strumentali

Forlì-Cesena, sciame sismico: un centinaio di scosse strumentali

CESENA - Lo sciame sismico che sta interessando da martedì l'Appennino cesenate "non ha provocato alcun tipo di danno ma solo molta apprensione". Lo sottolinea in una nota la Protezione Civile dell'Emilia Romagna, spiegando che sono state effettuate verifiche con la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco, la Prefettura e la Provincia di Forlì-Cesena, i Comuni interessati. La Protezione Civile continua a monitorare l'eventuale prosecuzione del fenomeno sismico.

 

Le scosse sono state superficiali, con profondità inferiore ai dieci chilometri. Le scosse registrate dalle 14 e 40 di martedì fino alle 7 e 36 di mercoledì hanno colpito i comuni di Bagno di Romagna, Verghereto, Civitella di Romagna, Sarsina e sono state avvertite anche nei comuni di Casteldelci e Sant'Agata Feltria in provincia di Rimini e nei Comuni aretini di Chiusi della Verna e Pieve Santo Stefano. La più intensa si è registrata alle 00.03, di magnitudo 3.7.

 

Notevole la paura, in particolar nella Valle del Savio. Molti cittadini, dopo la scossa di mezzanotte, ha preferito trascorrere la nottata in auto. L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato da martedì pomeriggio un centinaio di scosse strumentali, con magnitudo di poco superiore a 1 e non percepibili dalla popolazione. Mentre sono poco meno di una trentina quelle con un'intensità compresa tra 2.1 e 3.3 Richter.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -