Forlì-Cesena, scuola: il Consiglio Provinciale approva l'offerta formativa per il 2011-2012

Forlì-Cesena, scuola: il Consiglio Provinciale approva l'offerta formativa per il 2011-2012

Forlì-Cesena, scuola: il Consiglio Provinciale approva l'offerta formativa per il 2011-2012

FORLI' - Con una delibera discussa in Consiglio Provinciale è stato approvata la nuova programmazione territoriale dell'offerta formativa ed educativa per l'anno scolastico 2011/2012. La delibera è stata emendata su proposta della consigliera Veronica Gamberini, con voto unanime: di fatto l'emendamento sospende l'eliminazione dell'indirizzo ‘Tecnico dell'abbigliamento e della moda' all'istituto Versari di Cesena e ritiene "opportuna un'ulteriore verifica prima di sopprimere l'indirizzo".

 

L'obiettivo è cercare di raggiungere i 25 iscritti necessari per attivare la classe. Ad illustrare la delibera è stata l'assessore all'Istruzione Bruna Baravelli: "Ci sono quattro scuole professionali che hanno subito più di tutte gli effetti della riforma Gelmini. In particolare, a mettere in crisi queste scuole è stata l'eliminazione della qualifica professionale dopo i tre anni di frequenza. Con la Regione si è intrapreso un percorso per introdurre la qualifica, così che gli istituti professionali hanno riacquistato così la loro identità". Tra le novità si annoverano la proposta dell'attivazione dell'indirizzo di odontotecnico per l'istituto Ruffilli, dal momento che "i due istituti pubblici specializzati sono solo a Pesaro e a Modena nelle vicinanze".

 

L'altra proposta riguarda l'Itaer di Forlì, in difficoltà per il cambio di denominazione in ‘Trasporti e logistica'. Spiega Baravelli: "Ora il biennio dell'Itaer diventa molto simile a quello dell'Itis". La proposta formativa, in questo caso, è l'attivazione di un indirizzo nautico, dal momento che, con l'arrivo del gruppo tedesco Bavaria alla guida della Cantieri del Pardo viene richiesto un forte collegamento con l'istruzione superiore. Infine il liceo musicale Masini: "Ci chiede con forza di diventare statale, mettendo a disposizione laboratori e strumenti", spiega Baravelli.

 

Che precisa: "Non sarà facile portarselo a casa, ce ne saranno 40 in tutta Italia e 29 sono già stati assegnati. Noi ce la stiamo mettendo tutta, vogliamo metterlo assieme al liceo artistico, facendo una sorta di polo dell'arte, un'idea che è piaciuta molto all'Ufficio scolastico regionale". Tra le non attivazioni, invece, si registrano al Ruffilli di Forlì la soppressione del "chimico-biologico", che già mancava da alcuni anni, e il corso linguistico all'Itas di Forlì.

 

Con l'emendamento viene espunta la soppressione dell'indirizzo moda del Versari, difeso in Consiglio Provinciale dalla capogruppo dell'Udc Maria Grazia Bartolomei: "E' un'eccellenza sul territorio, che ha visto consistenti investimenti su laboratori che sono attrezzatissimi e che rischiano di andare persi. Questa proposta formativa doveva essere  considerata con più attenzione per tempo".   Sono passati all'unanimità gli emendamenti di Gamberini, la delibera emendata e un ordine del giorno del PdL (non è passato, invece, un collegato ordine del giorno di Bartolomei).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -