Forlì, chirurgia: al via domenica il 23esimo convegno nazionale della Spigc

Forlì, chirurgia: al via domenica il 23esimo convegno nazionale della Spigc

FORLI' - Un laboratorio di chirurgia sperimentale con tutte le più moderne tecnologie, dal robot alla laparoscopia, allestito all'interno dell'Auditorium della Cassa dei Risparmi di Forlì, interventi in videoconferenza, ed esercitazioni pratiche in web-tutoring.  Il XXIII° convegno nazionale della Spigc, Società polispecialistica italiana dei giovani chirurghi, in programma nella nostra città dal 20 al 23 giugno, offrirà a tanti specializzandi e specialisti under 40 un programma originale e assortito, studiato e pensato dall'associazione insieme all'équipe dell'U.O. di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate dell'Ausl di Forlì, diretta dal prof. Giorgio Maria Verdecchia, che ha curato l'organizzazione del convegno.

 

Il calendario dei lavori prevede poi una dozzina di corsi, pratici e teorici, alcuni dei quali riservati a medici di medicina generale e infermieri, nonché momenti di approfondimento sui problemi più sentiti legati alla professione. Lunedì 21 giugno, infatti, andranno in scena due tavole rotonde una dedicata agli aspetti medico-legali, e l'altra centrata sulla formazione, organizzata sotto forma di talk-show condotto dal giornalista Salvatore Giannella che intervisterà specialisti junior ed esponenti delle principali scuole chirurgiche. «Il congresso è stato organizzato e pensato dai giovani, con un programma disegnato sulle loro principali esigenze - illustra il dottor Davide Cavaliere, presidente del convegno e chirurgo dell'U.O. di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate - durante l'assise, i partecipanti avranno modo di testare gli ultimi ritrovati della tecnologia in campo chirurgico: all'interno dell'Auditorium sarà disponibile un vero e proprio laboratorio di chirurgia sperimentale, dotato di piattaforma robotica, strumentazioni laparoscopiche, toracoscopiche, ecc. ». Ampio spazio è stato riservato alle esercitazioni pratiche. «Diversi giovani chirurghi avranno la possibilità di recarsi alla clinica di Ozzano per cimentarsi in tecniche di anastomosi tracheo-bronchiale e vascolare, di sutura e anastomosi in chirurgia digestiva, in elastocompressione in flebologia e tanto altro - spiega il dott. Cavaliere - inoltre, sono previsti corsi di web tutoring, con chirurghi senior che seguiranno e guideranno in videoconferenza chirurghi junior impegnati a operare in varie sale operatorie d'Italia. In questi tre giorni, saranno i giovani ad avere un ruolo di primo piano, mentre i chirurghi esperti, che pur non mancheranno, saranno chiamati a dare il proprio contributo in termini di esperienza e aggiornamento».

 

I lavori si articoleranno su tre sedi, tutte nel cuore cittadino: l'Auditorium della Cassa dei Risparmi, la Provincia, la Camera di Commercio.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -