Forlì: chiusura Micromeccanica. Il sindaco: "Non ci sarà speculazione sull'area"

Forlì: chiusura Micromeccanica. Il sindaco: "Non ci sarà speculazione sull'area"

Forlì: chiusura Micromeccanica. Il sindaco: "Non ci sarà speculazione sull'area"

FORLI' - Anche l'amministrazione comunale è dalla parte dei lavoratori lasciati a casa della Micromeccanica. Per l'area dell'azienda ora chiusa, garantisce il sindaco Roberto Balzani, non ci sarà alcuna concessione di cambio di destinazione d'uso nel futuro. "L'amministrazione comunale di Forlì, che da mesi ha seguito l'evoluzione della crisi della Micromeccanica, esprime vivo rammarico per la negativa conclusione a cui la vicenda è giunta", dice Balzani.

 

Ricorda il sindaco: "Alcuni mesi fa, grazie anche alla mediazione della Prefettura, si era riaperto uno spiraglio riguardo ad una possibile soluzione della crisi, con la disponibilità espressa dalla proprietà di prendere in considerazione ipotesi di vendita. Come Amministrazione Comunale avevamo dato anche la nostra disponibilità a farci da tramite per eventuali proposte di acquisizione giunte dal territorio, sollecitando a tale scopo anche il sistema delle associazioni economiche, a fronte anche della disponibilità espressa dai lavoratori ad essere partner di una nuova proprietà".

 

Tuttavia non è mai iniziata una trattativa di vendita vera e propria, e la conclusione negativa ha trovato oggi conferma con la dichiarazione di parte sindacale, che annuncia la chiusura dell'azienda. "Ai timori di possibili speculazioni edilizie, rispondiamo con chiarezza che di fronte alla chiusura della Micromeccanica, come anche ad altre che potessero seguire nei prossimi mesi, questa amministrazione non intende consentire modifiche nelle destinazioni d'uso dei terreni, che resteranno quelle originarie, vincolate ad attività di carattere economico e produttivo", dice Balzani.

 

Ed infine: "Alle famiglie dei lavoratori che sono rimaste senza lavoro, esprimiamo tutta la solidarietà dell'Amministrazione Comunale di Forlì, ricordando che è possibile far ricorso al fondo per gli interventi straordinari riservati alle famiglie di lavoratori colpiti dalla crisi, istituito dal Comune di Forlì".

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Tytus
    Tytus

    mah... sono davvero rammaricati a quella povera gente basterà una pacca sulla spalla di cordoglio... e sinceramente alle promesse di destinazione del terreno ... il mastro � può far cambiare tante idee in poco tempo

  • Avatar anonimo di Stefano S.
    Stefano S.

    Un'altro esempio di azienda con un ottimo prodotto, lo so, che non ha voluto rinnovarsi, nei costi, nella gestione dei clienti, nella produttività, etc. Veramente un peccato. La classe dirigente italiana deve cambiare e non è certo gente come E. Marcegalia che rappresenta il futuro. Lei semmai forse rappresenta proprio gente come Lia. I politici, i sindacalisti, ed i dirigenti/proprietari devono cambiare in italia ma penso proprio che dobbiamo cambiare un poco tutti. Più impegno professionale e civile e meno "ma tanto io frego gli altri". Scusate ma non è filosofia da 4 soldi ... anzi yuan.

  • Avatar anonimo di cris72
    cris72

    Grazie per la solidarieta', ma non serve a far mangiare le nostre famiglie e a pagare i mutui... Oltre al lavoro si è anche passato un anno bruttissimo con notti insonni e mille pensieri, quindi tenetevi le vostre chiacchere di circostanza ed iniziate ad impegnarvi a far qualcosa di buono. Vale per tutti i politicanti.........

  • Avatar anonimo di mav
    mav

    E' apprezzabile, ed importante la solidarieta 'espressa dal sindaco Balzani, per le famiglie, ricordando che è possibile far ricorso al fondo per gli interventi straordinari riservati alle famiglie di lavoratori colpiti dalla crisi, ma poi tutte queste persone , dovranno, e vorranno sicuramente trovare un lavoro !!!!!!!! Non si dimentichi da parte di tutte le istituzioni che e' una priorita'ed un diritto per tutte le persone avere un lavoro , che non si dimentichi questo.....

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -