Forlì: colpo di coda della crisi, l'Electrolux taglia 300 posti di lavoro

Forlì: colpo di coda della crisi, l'Electrolux taglia 300 posti di lavoro

Forlì: colpo di coda della crisi, l'Electrolux taglia 300 posti di lavoro

FORLI' - L'Electrolux vuole tagliare 300 posti di lavoro nello stabilimento di viale Bologna. La notizia cade come un macigno per il comparto metalmeccanico forlivese, già gravemente colpito dalla crisi economica. La multinazionale degli elettrodomestici, ha presentato un programma che prevede la riduzione di un terzo dei lavoratori, trasformando le attuali casse integrazione in esuberi. Attualmente vi lavorano circa 1.100 lavoratori (1.012 operai e 70 impiegati), ma è intenzione della proprietà ridurre questo numero a ottocento.

 

Si apre per Forlì un momento più critico per il lavoro. L'aspetto positivo è che lo stabilimento non chiude, anzi verrà potenziato con nuove produzioni più all'avanguardia, ma solo dopo la "cura dimagrante". Spiega Michele Bulgarelli, segretario della Fiom-Cgil di Forlì, di ritorno da Mestre, dove questo pomeriggio si è tenuto l'incontro di gruppo sul settore cottura del colosso degli elettrodomestici: "L'Electrolux prevede che si manterranno stabili gli attuali livelli di produzione, per questo ritiene che le attuali 60 giornate di cassa integrazione si trasformeranno in esuberi strutturali".

 

Questo significa circa un terzo in meno dei lavoratori, mentre per tutti gli altri scatteranno riduzioni di stipendio (sarà abolito un turno di lavoro) e si richiederanno miglioramenti in termini di tempi di produzione. Di fatto si passerà a produrre 1,5 milioni di pezzi contro i due milioni precedenti. Quella di Forlì è la stessa sorte che hanno subito tutti gli altri stabilimenti Electrolux (Susegana e Porcia nel Triveneto, mentre Firenze è stato chiuso del tutto).

 

Dopo il ridimensionamento, la multinazionale intende portare a Forlì la produzione dei moderni forni da incasso ad alta cavità e paradossalmente aumenterà il margine operativo di profitto per la fabbrica forlivese: da 9 a 10 milioni di euro di Mol. "L'Electrolux vuole uno stabilimento più piccolo" sintetizza Bulgarelli. Ma  gli operai sono già pronti a dare battaglia: "Non accetteremo che si faccia pagare i lavoratori, in termini di esuberi, solo per fare più profitti", ancora Bulgarelli. Martedì mattina si tiene già la prima assemblea con i dipendenti dell'Electrolux-Zanussi di viale Bologna.

Commenti (12)

  • Avatar anonimo di Max67
    Max67

    Cosa centra la crisi e il governo? L'Elettrolux va all'est perche' spende meno, crisi o non crisi ci sarebbe andata comunque...pero' se i PDessini vogliono incolpare Berlusconi anche di questo...tant'è! Probabilmente se c'era Prodi al governo L'Elettrolux avrebbe assunto 300 persone...

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    piano piano l'electolux di forlì chiuderà del tutto...

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Ma un governo in questo caso cosa dovrebbe fare ? 1) Assumere tutte le persone licenziate come dipendenti pubblici, e risolvere così il problema. 2) Concedere a Electrolux sgravi fiscali di modo da far tornare competitivo lo stabilimento di Forlì (esempio: pagandoli per rimanere) 3) Far minacciare la dirigenza di elctrolux in italia da un ufficio speciale dei servizi segreti facendo capire loro che se chiudono lo stabilimento gli cuciamo addosso un cappotto di legno. La terza è ironica, però. Dato per presupposto, e sempre per ironia, che Berlusconi sia un farabutto / massone / omicida reo cconfesso / mafioso / libertino / assuntore di sostanze stupefacenti / stragista e chi più ne ha più ne metta ... Ecco, accettato tutto questo, un Governo ispirato da Dio (non mi riferisco a quello Benedetto XVI a Roma, ma a Obama negli USA ad esempio) che cosa dovrebbe fare ?

  • Avatar anonimo di il vichingo
    il vichingo

    Giusto per la cronaca... Purtroppo.... La ditta electrolux ha aperto un reparto cottura in Polonia e gli operai di Forli è da tempo che sanno che lo stabilimento di Forlì era a rischio. Imprenditori (stranieri nel caso dell'electrolux) cavalcano la "crisi" per far tornare i loro conti. Se vogliamo dare la colpa al governo, all'epoca c'era mortadella.

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    Il governo del fare o del malaffare ???

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    la crisi è finita ora ricomincia la ripresa...Brunetta la crisi è solo psicologica, ci vuole ottimismo e continuare a spendere...Silviuzzo bello l'Italia è messa meglio degli altri paesi europei....Trecconti

  • Avatar anonimo di rez
    rez

    @ pirpa sono strofe dell'ultimo successo di Apicella?

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    la crisi è solo psicologicalpsicadelica...

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @pirpa un comico di Arcore?

  • Avatar anonimo di manVel
    manVel

    Luca Giurato?

  • Avatar anonimo di pirpa
    pirpa

    "Non ci saranno situazioni di miseria, di crisi acuta, il Governo è presente per sostenere i cittadini meno fortunati" "Il mondo ha conosciuto altre crisi ma anche questa come tutte finiscono. Questa crisi sembra particolarmente grave - ha aggiunto - ma la sua profondità e la sua estensione nel tempo dipendono dai nostri comportamenti" "lo Stato e il Governo hanno affrontato prima e meglio di altri paesi europei gli strumenti per affrontarla" "Rispetto agli Stati Uniti siamo fortunati. In Italia l'87% delle famiglie ha una casa di proprietà. I mutui sono stati bloccati al 4%, le famiglie hanno un conto corrente in attivo, hanno l'assistenza sanitaria e la cassa integrazione che per come è fatta consente al Governo di intervenire in tutte le direzioni" "Il nostro paese può superare meglio di altri questa crisi con minori sacrifici, con uno sguardo più rivolto al futuro" Fonte Sole24ore .........indovinate di chi sono queste dichiarazioni!?!?

  • Avatar anonimo di annibale
    annibale

    quando ti sara' passato l'effetto di quello che ti sei fatto, riscrivi tutto in modo comprensibile da noi plebei. magari hai idee innovative, ma come si fa a capirle????

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -