Forlì, controlli della Municipale in via Regnoli: furgone con assicurazione falsa

Forlì, controlli della Municipale in via Regnoli: furgone con assicurazione falsa

Forlì, controlli della Municipale in via Regnoli: furgone con assicurazione falsa

FORLI' - La Polizia Municipale di Forlì ha, in questi giorni, ha intensificato i controlli su veicoli e persone che transitano in via Giorgio Regnoli. Nel corso dei controlli effettuati nella giornata di venerdì, sono stati fermati e controllati 26 veicoli ed identificate 31 persone. Nel corso dei controlli è stato fermato un veicolo utilizzato da una ditta di S.Benedetto del Tronto, condotto da un cinquantenne di Ascoli Piceno, che esponeva una assicurazione falsa.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo approfondite verifiche sì è potuto constatare che l'assicurazione esposta era stata effettivamente falsificata ed il mezzo pertanto privo di copertura assicurativa. Il conducente è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria ed il mezzo sottoposto a sequestro.

Commenti (27)

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    @ vico io invece prima finisco di imparare quello che mi mette a disposizione la cultura latina, poi quando sono completo inizio ad iparare anche quello che insegna la loro cultura araba... e poi dato che loro sono ospiti di questo paese, prima loro imparano a comportarsi in modo civile e rispettoso nel nostro paese poi io posso imparare qualcosa da loro.

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    @ vico si può imparare anche ospitando una persona apri le braccia a questa gente che così uccidi veramente l'Italia. vengono qua e stanno tutt il giorno al bar a bere come degli assassini o sotto i loggiati a non far nulla, bisogna che questa gente si trovi un occupazione e non delinqua... paghi le tasse, i bolli e le assicurazioni.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @oOoOoOoOo a)Lo faremo il 10 marzo al circolo Asioli di Forlì con una iniziativa che si chiama Forlì città aperta. b) Personalmente preferisco farmi ospitare, perchè magari ho qualcosa da imparare da loro. C) tra un razzista e un extracomunitario ospito + volentieri il secondo, ci sono meno probabilità di portarsi a casa un delinquente

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @pecora nera in tutte le città del mondo la comunità tendono a riunirsi. Lo fanno gli italiani in america, gli arabi a Bangkock. i turchi a Berlino, i sanmarinesi a Detroit. Integrazione non vuol dire fare una casa con un italiano e una con un cinese (anche se succede ad esempio al sindaco) ma far sì che tutti rispettino le regole di casa Italia , ma possano continuare ad avere le proprie usanza che le nostre regole consentono... Quanto alla discussione mi linki quelle dell'anno scorso. a me sembravano uguali.

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @j dorian erano i wasp a sputarci addosso.... White Anglo-Saxon Protestant

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    @jose marti forse lei non viveva a Forlì negli anni 80, io sì. E giravamo col borsello per portare l'autoradio (poi x fortuna arrivarono i frontalini) perchè se lei la lasciava in macchina la trovava col vetro rotto, e non parliamo di scippi, molto + frequenti di oggi.... Oggi la microcriminalità e meno invasiva degli anni 80, solo che è amplificata da più mezzi di informazione.

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    il problema è strutturale ed è diretta responsabilità dell'amministrazione comunale presente e di quelle passate. inutile girarci intorno, ipocrita e demagogico trincerarsi dietro l'accusa di razzismo verso chi denuncia un problema chiaro come il sole. è un problema di scarsa pianificazione territoriale che ha allontanato i residenti dal centro favorendo la periferizzazione (tanto da costruire enormi quartieri perfino a San Tomè), che ha concentrato alloggi popolari in centro e non in zone più consone (facilmente controllabili e più adatte ad accogliere numerose persone). chi continua a fare lo scaricabarile anzichè fare un bel mea culpa dimostra ulteriormente di non essere in grado di fare l'amministratore di questa città.

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    @Emanuela_: io sono Forlivese eccome, e conosco la zona in quanto le ho citato addirittura il numero delle telecamere, contrariamente a lei che urla "vogliamo le telecamere" senza sapere che ce ne sono già svariate e che servono a poco. Io le ho portato dei fatti, lei no, solo spot. Ripeto, in quella zona ci vuole un passaggio frequente di polizia, non teleamere che non servono a nulla.

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Queste cose dovrebbero far riflettere. Non l'articolo, la reazione della gente. Fino a un anno fa di fronte ALLO STESSO IDENTICO ARTICOLO la metà della gente diceva che via G.Regnoli era normale e chi si lamentava era un razzista e il SIG. Sindaco per dimostrarlo ci andava a fare le sfilate per dimostrare che di problemi non ce ne erano, con sorrisi ,flash e battutine......... sfilava...... alcuni drizzarono le orecchie dicendo che se si lasciavano la maggior parte dei negozi in mano a persone di una diversa etnia e cultura(rispetto a quella italiana), senza mescolanza, si sarebbe ostacolata l'integrazione, invece di favorirla.e che si sarebbe creato un ghetto. Bene. SI SON PRESI DEI RAZZISTI e FASCISTI. Anche da questa amministrazione comunale. Bene. Ora? Ci sono commenti deliranti sotto a questo articolo. Io penso che il seme del razzismo l'abbiano piantato quelli che quando si era ancora in tempo han fatto finta di non vedere, e sfilavano al motto di " siamo tutti fratelli-che problema c'è?". Finchè gli italiani vivano chiusi a little italy non commerciavano con americani, non parlavano con americani, NON SI SENTIVANO AMERICANI. Così dappertutto. Una buona amministrazione non può dare del razzista a chi solleva un problema ,per poi dimostrarsi lei stessa, tale. Perchè chi non ha garantito la mescolanza in questa via è l'unico responsabile , dunque razzista. E hai voglia con le manette la polizia, le telecamere,la sorveglianza, indispensabili eh, ma alla prossima occasione è anche bene pensarci subito, senza etichettare chi,in buona fede, ha il CORAGGIO DI AFFRONTARE ARGOMENTI SCOMODI, di fronte ai quali altri sorridono, sfilano , poi piangono.

  • Avatar anonimo di pernacchio
    pernacchio

    So che è difficile, ma oggi vorrei esprimere un'opinione sui vostri commenti cercando di non entrare in collisione con le opinioni legittime di ciascuno di voi, anche se fatico a condividerle. Normale che per qualcuno di voi il degrado c'è (eccome!) e per altri, invece, tutto va bene (madama la marchesa...). Però, secondo me, il vero problema che dovrebbero affrontare le forze dell'ordine (e non solo in via Regnoli) non è propriamente quello di "constatare" che girano autovetture con l'assicurazione falsa, quanto - piuttosto - quello di accertare con continuità e con maggiore incisività se in via Regnoli (e altrove, penso ad esempio ai Giardini Orselli) vengono commessi ben più gravi e devastanti reati (per quanto riguarda il degrado cittadino) quali ad esempio spaccio di droga, prostituzione, ecc. ecc. Quindi provo una certa pena nel leggere sterili diatribe sugli immigrati, sul colore della pelle, su come erano gli italiani in america, ecc. ecc. quando il vero problema che TUTTI dovreste avere il coraggio civico di DENUNCIARE e di CONTRASTARE da cittadini forlivesi è questo strisciante avanzare della CRIMINALITA' (senza tanti micro e macro di distinguo) che sta ammorbando il nostro centro storico. Finché sugli immigrati (regolari o clandestini) si parlerà solo ed esclusivamente obnubilati dalle rispettive idee politiche e in modo strumentale, si perderà di vista il vero problema: che alcuni di loro sono venuti in Italia solo ed esclusivamente per delinquere, proprio perché il nostro Paese (sempre diviso tra destra e sinistra, tra buonisti solidali da una parte ed irriducibili xenofobi dall'altra) è l'unico Paese al mondo dove (a terzo millenio ampiamente iniziato) non esiste ancora una vera CERTEZZA DELLA PENA PER CHI DELINQUE. E non è facile cercare tra gli immigrati i delinquenti che fanno i propri comodi alla faccia nostra in un Paese dove certa politica sta - per partito preso - più dalla loro parte che non da quella dei cittadini autoctoni ed onesti.

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Penso che molta dell'esasperazione derivi dal fatto che la situazione economica italiana (ma direi europea nel suo complesso) non riesce semplicemente ad assorbire i flussi. Pensate alla Spagna ad esempio: hanno un tasso di disoccupazione che sfiora il 20%. COme si fa a pensare a politiche di integrazione ? Capisco l'efficace parallelo di Vico con l'america, ma se mi permette la mia posizione è diversa: lì gli extracomunitari erano gli inglesi, e poi gli americani stessi. Chiedere a Toro Seduto, l'unico autoctono, che ne pensava dell'immigrazione yankee ... O almeno io la vedo così.

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    @ vico a me sinceramente non me ne frega un c**zo, quindi ora una domanda te la faccio io! perchè non ne ospiti uno a casa tua???

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    No ! Parliamo di stranieri e di ITALIANI. I problemi non sono nè la religione nè ill colore della pelle ! Ma importa come ti comporti, come avviene in Francia, o, in Germania ! Quanti italiani non sono i benvenuti in paesi con un maggiore grado di civiltà ? Oggi, nel 2011 ! P.s. Davide, lei non è di Forlì ..vero ? Altrimenti non scriverebbe parole vuote ! Non si preoccupi dell' aspetto della zona e guardi il contenuto ! Il problema criminalità ! Forse, lei, è cieco ?

  • Avatar anonimo di JOSE MARTI
    JOSE MARTI

    @vico non si tratta di luoghi comuni,basta leggere la cronaca nera i soggetti autori di illeciti penali sono 9 volte su 10 stranieri o italiani non della regione,la gente locale rimpiange i tempi in cui si poteva dormire tranquilli anche con la chiave nella porta di casa ,e fino ai primi anni 80'' si poteva lasciare l'auto fuori dal bar aperta con chiavi inserite,non tutti ma molti lo facevano,ora purtroppo si devono cambiare molte abitudini,i tempi sono cambiati.....

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Certo gli immigranti puzzano, sono mentalmente inferiori, sono mafiosi, sono negri anche se hanno la pelle bianca, rubano, mangiano cose schifose, hanno una religione diversa dalla nostra, si ubriacano... Ma voi che ce l'avete con gli immigrati vi siete riconosciuti in questa descrizione? Perchè è quello che dicevano di noi italiani, quando sbarcavamo in America a cercar lavoro. Se vi piacciono i luoghi comuni allora siete così.

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Mi piacerebbe che qualcuno spiegasse perche' l'inversione del senso di marcia dovrebbe portare ad un aumento del traffico. L'unica cosa da fare, secondo me, e' aumentare i controlli della polizia e carabinieri nella zona, e magari mettere anche le telecamere. Spostare i bar o farli chiudere prima mi sembra ingiusto, oltre che illiberale: nel resto della citta' posson chiudere piu' tardi e li' no?

  • Avatar anonimo di Gim
    Gim

    Ma come, non l'avete ancora capito???? E' colpa dei forlivesi fighetti e di berlusconi....'GNORANTI!!!

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    @Emanuela_: telecamere?? la smettiamo di dire sempre le solite cavolate?? Il comune ha installato varie telecamere in via giorgio regnoli: 2 in via giorgio regnoli, 2 nel giardino annalena tonelli, 2 in via digione !! Quante ancora ne vogliamo mettere?? lo volete capire o no che non servono a nulla?? Lo sapete vero che non costano 1000€ ma molto di più vero? e in compenso non servono a nulla!! I criminial si coprono la faccia e fregano facilmente le telecamere! e poi il punto 3, ma lei sa come funziona la legge? cos'è la libertà? se gli italiani vendono un locale commerciale e gli stranieri comprano... poi possono aprirci quello che vogliono! se pagano le tasse possono aprire tutti i kebabbari che vogliono! smettiamola con i discorsi isterici, perfavore, mettiamo una pattuglia sempre in zona, miglioriamo l'aspetto della zona (come è già stato fatto con i recenti lavori) e basta..

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    Cambiare il senso di circolazione di via Regnoli ? Sì ! Ma è utile solo di giorno ! E di sera ? Di notte ? Che sfortuna che alcuni siano indifferenti o " ciechi " ..di fronte alla realtà ! Nessuno gira col volto coperto nella via Regnoli, per ora !

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    Tre possibilità: 1) Introdurre telecamere nei “ punti caldi ” della via Regnoli e disporre chiusure anticipate entro le ore 22 ! 2) Posizionare almeno un mezzo con agenti della Polizia Municipale nella via ! 3) Eliminare la concentrazione di bar e kebab in via Regnoli, disponendo bar e kebab in altre parti della città !

  • Avatar anonimo di simy
    simy

    macchè telecamere ( si fanno presto a rompere o coprire).. in più se hai il volto coperto telecamera ciao ciao... deve cambiare il senso di circolazione si entra da regnoli si esce da repubblicA, di siicuro fa meno ghetto se circolano continuamente macchine(più controllo da parte di tutti) Che fortuna ci siano tutti questi esperti di statistiche anzi criminologi che ci forniscono statistiche!

  • Avatar anonimo di JOSE MARTI
    JOSE MARTI

    @alessandrat ottimo intervento,pungente ma con una buona dose di humor,a volte conviene sdramatizzare poiche' i semplici cittadini possono fare poco per risolvere il problema del degrado delle nostre citta',l'unica arma e' quella del voto......

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Anche secondo me, come ho già scritto altrove, non è vero che "L'immigrato fa un lavoro che l'italiano non vuole fare" ma è vero che "L'immigrato fa un lavoro che l'italiano non vuole fare al prezzo che gli viene proposto". In questo modo l'immigrazione, poca o tanta che sia, di fatto genera una competizione al ribasso dei prezzi, spesso a discapito della qualità, sempre e comunque del tenore di vita locale. Un operaio italiano come fa a lavorare a 700 euro al mese se ha una famiglia da mantenere ? Un immigrato single (o con famiglia da mantenere in Africa) lavora anche per meno. Ci sta con le spese. Per questo in genere io mi aspetterei una politica di accoglienza da parte dei partiti liberali (vicini alla confindustria e al padronato che gli immigrati li vuole e li sfrutta) e una invece di restrizione da parte del sindacato o dei partiti di sinistra. Non è così, sorprendentemente. La destra liberale (e anche la lega) usa spesso l'argomento dell'immigrazione come spauracchio per raccattare voti, in un modo in fin dei conti molto disonesto. La sinistra, o meglio la dirigenza della sinistra (sindacale soprattutto, ma anche politica) semplicemente, ci mangia sopra come la chiesa. E degli operai non gliene frega più niente dal '79, tanto ha capito che questi la votano lo stesso.

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    @ alessadrat credo che la percentuale che hai indicato è a dir poco ridicola e utopistica, direi che la percentuale possa superare tranqullamente il 50%... e poi mi sembra stupido dire che almeno così si fa girare l'economia... allora serrati te in casa e butta la chiave.

  • Avatar anonimo di alessandrat
    alessandrat

    @jose marti.. noi senza queste persone sarem troppo tranquilli, almeno grazie a loro gli artigiani producono inferiate, installatori di antifurti per abitazione lavorano in pieno ecc.. aiutano l'economia.. son brave persone, ce ne sarà una su 100 ma c'è, finchè non torna nel suo paese e ci dobbiam subire i 99.. i sindaci di cesena e forlì sono a dir poco RIDICOLI

  • Avatar anonimo di JOSE MARTI
    JOSE MARTI

    Il problema e'che questa gente che non si capisce bene cosa faccia sono ritenute dalla nostra amministrazione comunale risorse umane utili alla citta'.

  • Avatar anonimo di Emanuela_
    Emanuela_

    Leggiamo: “ La Polizia Municipale di Forlì ha, in questi giorni, ha intensificato i controlli su veicoli e persone che transitano in via Giorgio Regnoli. ” IMPORTANTISSIMO: CONTROLLARE le persone che transitano in via Giorgio Regnoli. IDENTIFICARE le persone che popolano la via. Ma, aggiungo, soprattutto, a partire dalle 17 fino alle 2 – 3 di notte. Si tratta delle stesse persone. Tutti i giorni. Persone, che si posizionano nei pressi del bar e dell’ internet point. Persone che entrano ed escono dai bar, scambiandosi, sempre, qualcosa, che passa di mano in mano. Tale situazione non favorisce una sana integrazione multietnica, ma crea un ghetto. Sindaco, quando riterrà di inserire delle telecamere nei “ punti caldi ” della via, dalle parti del bar !

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -