Forlì: convegno sullo sviluppo sostenibile della città

Forlì: convegno sullo sviluppo sostenibile della città

FORLI' - Un convegno internazionale dal titolo "Territorio Sostenibile - Capacità di adattamento delle Città e dei Territori allo Sviluppo sostenibile", prende il via lunedì 15 giugno prossimo, dalle ore 14,45 per tutto il pomeriggio, nella sala Zambelli della Camera di Commercio di Forlì-Cesena (Piazza Saffi 36, Forlì);è una sessione speciale "verde" della 39° Conferenza dell'International Urban Fellows Association (IUFA) della Johns Hopkins University, in programma a Bologna dal 14 al 16 giugno p.v., sul ruolo delle città di medie dimensioni nell'economia della conoscenza.

 

La sessione di Forlì, dedicata alla sostenibilità dello sviluppo in chiave ambientale, è incentrata su esperienze locali, regionali ed internazionali di adattamento alle energie alternative e all'abbattimento del consumo energetico, soprattutto in termini di pianificazione urbana. Il convegno rappresenterà quindi un'occasione importante di confronto sulle azioni e sulle politiche che possono essere adottate per rendere il territorio sostenibile dal punto di vista ambientale ed energetico.

 

dopo i saluti di Tiziano Alessandrini, Presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, di Pier Giuseppe Dolcini, Presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e di Piero Gallina, presidente Serinar di Forlì-Cesena, l'incontro si articolerà in due momenti: uno dedicato alle esperienze locali e regionali, l'altro alle esperienze europee ed internazionali; moderatore Lorenzo Ciapetti di Antares. Per l'occasione funzionerà un servizio di traduzione simultanea.

 

L'incontro è co-organizzato dall'Ente camerale con Serinar Forlì-Cesena ed Antares (centro di ricerche sullo sviluppo locale, spin-off dell'Università di Bologna,con sede a Forlì), con la collaborazione della Provincia di Forlì-Cesena e del Comune di Forlì.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Vorrei che qualcuno mi spiegasse una semplice banalità... perchè i costi per ottenere energia da fonti rinnovabili sono così elevati? come è possibile pensare ad un immediato sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili se per un impianto domestico per produrre energia dal sole, fra una cosa e l'altra, alle famiglie costerebbe 10-15.000 euro di investimento, nonostante sgravi fiscali e con accordo di fornitura per 20 anni dell'energia prodotta in più alle compagnie energetiche? Ma se sempre più famiglie non arrivano alla fine del mese, da ormai due o tre anni (situazione ormai cronicizzata) come si può pensare di far risparmiare energia, quando per ottenere un risparmio energetico si devono pagare per gli impianti cifre improponibili per un gran numero di famiglie? Smonto i pannelli solari e comincio a dare morsi per mangiare? Ma ci volete prendere in giro? La nuova rivoluzione industriale dovrà per forza essere quella dell'energia da fonti rinnovabili gratuita per tutti, allora si che ha senso (non per le compagnie energetiche)... purtroppo per voi, l'aria (anche se inquinata) non potete farcela pagare!!!!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -