Forlì: da Nervegna (PdL) un'iniziativa per non dimenticare gli stermini ebrei

Forlì: da Nervegna (PdL) un'iniziativa per non dimenticare gli stermini ebrei

FORLI' - Il capogruppo comunale a Forlì e consigliere regionale di Fi/Pdl, Antonio Nervegna - nella giornata di sabato 10 maggio 2008 , alle ore 10  - ha promosso un' iniziativa di commemorazione   degli Ebrei caduti e deportati per motivi razziali davanti la lapide (affissa dinanzi all'ex Albergo "del Commercio" , in corso Diaz al civico 77-79) che  ricorda le famiglie israelite forlivesi avviate ai campi di sterminio già all'indomani dell'armistizio dell'8 settembre 1943.

 

L'iniziativa vuole essere un importante richiamo alla memoria e una prima seria risposta ai pericolosi rigurgiti di antisionismo e antisemitismo che si manifestano nelle bandiere bruciate e nelle polemiche che stanno accompagnando la Fiera del Libro a Torino e che culmineranno con analoghe intollerabili manifestazioni della sinistra radicale , dei centri sociali e di alcuni partiti della sinistra nella sessa giornata di sabato.

 

Antonio Nervegna chiama all'appello gli uomini liberi e i partiti che si richiamano ai valori della libertà e dell'occidente in difesa della più solida (verrebbe da dire "l'unica") Nazione democratica della regione mediorentale.

 

L'esponente del PdL, chiamando all'azione iscritti, eletti e simpatizzanti del partito, sottolineerà l'evento con l'esposizione della bandiera di Israele.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un primo simbolico passo verso un'azione politica più impegnativa che prevede  il sostegno alla richiesta di far aderire lo Stato d'Israele alla Unione Europea: una soluzione che metterebbe quel Paese al sicuro da propositi di ennesimo sterminio di un intero popolo e farebbe svolgere all'Ue un ruolo determinante in tutte le trattative di pace ancora in corso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -