Forlì: dalla Camera di commercio in aiuto alla competitività delle imprese

Forlì: dalla Camera di commercio in aiuto alla competitività delle imprese

La Camera di Commercio di Forlì-Cesena, per sostenere la competitività del sistema imprenditoriale in questo difficile contesto di crisi economica, ritiene importante rafforzare il supporto alle imprese, specialmente quelle che "pensano in grande", quelle cioè che intendono realizzare progetti innovativi, intraprendere azioni di capitalizzazione, di aggregazione, ma anche di trasmissione e avvio di impresa.


L'idea alla base, che ha spinto l'Ente Camerale a deliberare, è quella di non tralasciare nulla nel tentativo di promuovere una ripresa dell'economia provinciale; per questo, dopo ripetuti incontri con associazioni di categoria, banche e confidi, sono state tracciate le linee relative agli interventi necessari e si è giunti alla definizione di una collaborazione con alcune banche del territorio - al momento Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna, Unicredit Banca, Cassa di Risparmio di Cesena, Cassa di Risparmio di Ravenna, Banca di Credito Cooperativo Sarsina, Banca Romagna Cooperativa, Banca Popolare Emilia-Romagna -.  In particolare sono stati approvati dalla Giunta camerale tre distinti disciplinari, attivi dal 1° ottobre 2009 e per tutto l'anno 2010, che a seconda della destinazione prevedono la contribuzione, tramite abbattimento del tasso d'interesse e la copertura delle commissioni applicate dai confidi sulla garanzia, per :
-    sostegno a progetti innovativi, realizzati da imprese anche in forma aggregata, finalizzati ad investimenti e spese per innovazione di prodotto o di servizio, di processo, gestionale, organizzativa o commerciale, comprese le spese per la ricerca, per macchinari, attrezzature scientifiche e personale
-    sostegno a start-up e trasmissione d'impresa, con ammissibilità di spese per l'avvio e la costituzione dell'impresa, nel primo caso, o di acquisizione dell'intera impresa o di quote, nel secondo caso
-    sostegno ad operazioni di capitalizzazione ed aggregazione legate ad operazioni di aumento capitale sociale a pagamento, conferimento di soci, versamento dei soci in conto capitale o in conto futuro aumento di capitale, prestiti partecipativi e operazioni di fusione o incorporazione fra imprese.


Una novità è costituita dal fatto che gli interventi sono estesi anche ad aziende fino ad oggi escluse, come le imprese agricole. Viene così coperto l'intero sistema imprenditoriale provinciale.


"Sostenere l'innovazione e più in generale la competitività del nostro sistema imprenditoriale - ha ricordato il Presidente dell'Ente camerale Tiziano Alessandrini - è fra le priorità della Camera di Commercio e costituisce un elemento cardine del programma di interventi che la Giunta realizza ogni anno. Con questa ulteriore iniziativa intendiamo stimolare una più efficace presenza delle nostre imprese sul mercato attraverso sempre maggiori sinergie tra ricerca e mondo produttivo, facilitare i processi organizzativi, commerciali, di rafforzamento e di creazione di relazione tra imprese, e infine sostenerle nelle diverse fasi del loro ciclo di vita. So benissimo che i problemi che oggi preoccupano maggiormente sono la scarsità degli ordini e le garanzie per accedere al credito, però per agganciare la ripresa bisogna puntare anche sull'innovazione". 

I disciplinari e la modulistica sono disponibili sul sito camerale all'indirizzo www.fc.camcom.it/promozione
Per informazioni contattare l'Ufficio Promozione dell'Ente camerale (tel. 0543-713446 - 489 - 491, mail:ufficio.promozione@fc.camcom.it)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -