Forlì: Dedalo rifà il look delle strade

Forlì: Dedalo rifà il look delle strade

FORLI' - Il dieci per cento delle strade di Forlì sono state oggetto di intervento manutentivo negli ultimi dieci mesi. Entro settembre 2008 saranno 110 quelle completamente ripristinate e migliorate sotto l'aspetto della sicurezza.

 

I lavori di adeguamento e sistemazione sono realizzati dalla società consortile Dedalo a.r.l., che dal 14 settembre 2007 si occupa dell'appalto manutentivo delle infrastrutture stradali, pertinenze ed accessori del Comune di Forlì. La società consortile attua strategie di pianificazione e programmazione delle attività manutentive ordinarie e straordinarie dell'intero patrimonio stradale comunale. Dedalo è una società di scopo, costituita da primarie aziende romagnole leader nel settore. Le imprese partecipanti nell'insieme sviluppano oltre seicento milioni di euro di produzione annua. La società consortile è composta dal capofila Conscoop di Forlì (consorzio fra cooperative di produzione e lavoro), il consorzio Coir di Cesena (consorzio imprese romagnole) e lo studio associato di ingegneria Thesis di Riccione. Entrano a far parte di Dedalo per il Conscoop le società associate Clafc di San Piero in Bagno e la Cbr di Rimini. Per il consorzio Coir di Cesena la Scot costruzioni di Mercato Saraceno, la Romagnola Strade di Bertinoro e l'impresa Coromano di Bertinoro - Fratta Terme.

 

Queste aziende si sono associate per centrare gli obiettivi propri del contratto di Global Service manutentivo del Comune di Forlì. Dedalo si occupa di strategie di pianificazione e programmazione delle attività manutentive ordinarie e straordinarie dell'intero patrimonio stradale comunale. Il proposito della Società di scopo è quello di passare da una politica di pura e semplice attività di manutenzione conservativa, o tesa comunque al solo ripristino di guasti e dissesti, a una che punti invece alla pianificazione e programmazione complessiva degli interventi. L'obiettivo primario è migliorare le condizioni di sicurezza per gli utenti delle infrastrutture stradali del Comune di Forlì. A questo va aggiunto un'attività mirata alla informatizzazione delle informazioni assunte direttamente da Dedalo e ricevute dagli utenti. Ciò servirà per ovviare o ridurre al minimo i guasti e i dissesti, oltre che far opera di prevenzione e monitoraggio riguardo lo stato dell'intero sistema viario comunale.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altri compiti di Dedalo, peraltro già interamente portati a termine, riguarda la formazione di un "catasto informatico stradale" e di un "catasto informatico segnaletica", realizzati entrambi con l'utilizzo delle più recenti tecnologie di settore. La predisposizione dei catasti rappresenta la premessa necessaria per una corretta valutazione della tipologia di prestazioni da fornire per soddisfare le esigenze dell'amministrazione comunale. Amministrazione che sta avviando un'attività di valutazione sullo stato di conservazione del patrimonio stradale del Comune. Questa ultima attività è propedeutica alla programmazione degli interventi del Global Service. In questi primi dieci mesi di attività sono stati presi in esame i 720 chilometri di strade del patrimonio comunale, corrispondenti a un numero di 1177 strade. Valga per tutti il dato dei 32.671 segnali stradali già censiti nell'ambito delle attività di rilievo e censimento svolte con riferimento alla segnaletica verticale. Con la presa visione dello stato dei luoghi si è ancorché ottenuta una mappatura completa delle strade (catasto stradale filmato), nonché compilate schede di valutazione sullo stato di conservazione della rete stradale. Nel frattempo, sono stati eseguiti all'incirca diecimila interventi. Hanno riguardato il ripristino del manto stradale divelto, la sistemazione della pavimentazione in porfido e in pietra, la messa in sicurezza delle buche e dei dislivelli causati dal traffico e dagli agenti climatico/ambientali. Più del 60 per cento dei lavori già realizzati deriva da interventi individuati direttamente da operazioni di rilevamento e monitoraggio svolte da operai e personale tecnico di Dedalo senza aver ricevuto alcuna segnalazione da parte dei cittadini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -