Forlì, Di Maio (Pd): "La priorità va al lavoro"

Forlì, Di Maio (Pd): "La priorità va al lavoro"

FORLI' - «Il lavoro è una priorità che oggi va affrontata con misure certe a sostegno di chi rischia di perderlo e di chi invece si trova in una situazione di precarietà». Lo dichiara Marco Di Maio, segretario dell'Unione territoriale forlivese del Partito Democratico. «Bene ha fatto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a non firmare il ddl del Governo che aggirava le tutele fondamentali disposte dall'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e dal fondamentale principio costituzionale che fonda la nostra repubblica sul lavoro. Ed è lodevole -  prosegue Di Maio -  che il presidente l'abbia fatto dopo le elezioni, dimostrando per l'ennesima volta la sua capacità di essere perfetto interprete del ruolo di garanzia ed equilibrio proprio della sua funzione».

«La prima cosa da fare per intervenire sul mercato del lavoro - propone Di Maio - è estendere la cassa integrazione di altri 6 mesi per consentire a migliaia di lavoratori e di famiglie di poter continuare a contare su un reddito, seppur ridotto. Occorre anche che la Regione confermi il grande sforzo compiuto nel 2009 con il Patto per attraversare la crisi, grazie al quale sono stati attivati gli ammortizzatori sociali anche per quei lavoratori non coperti dalle norme nazionali. Anche gli enti locali devono fare la propria parte, compatibilmente con le scarse disponibilità finanziaria e l'assenza di autonomia derivante dai vincoli imposti dal governo a Comuni e Province. Il Pd forlivese, assieme ai propri amministratori, sarà al fianco delle amministrazioni locali nel fare tutto ciò che sarà possibile per affrontare la crisi sostenendo famiglie e piccole e medie imprese».

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -