Forlì. Di Maio, un anno da segretario Pd: "Centrale acquisti unica per le Ausl"

Forlì. Di Maio, un anno da segretario Pd: "Centrale acquisti unica per le Ausl"

Forlì. Di Maio, un anno da segretario Pd: "Centrale acquisti unica per le Ausl"

FORLI' - Sanita' "con un ufficio acquisti unico romagnolo di qui al 2030"; aeroporti "senza la concorrenza che oggi c'e' tra Forli' e Rimini"; Sapro con l'idea che "non sara' la commissione consiliare in Provincia a fare la differenza". Il segretario del Pd forlivese, Marco Di Maio, all'indomani dell'assemblea territoriale del Pd in compagnia del numero uno regionale Stefano Bonaccini, ragiona su tutte le priorita' di qui in avanti non solo a livello locale.

 

A un anno dalla sua elezione (il 27 gennaio 2010) alla guida del 'partitone' in citta', il segretario Di Maio a piu' riprese ieri sera ha chiamato a raccolta i suoi per "il lavoro sulla Forli' e sulla Romagna del 2030" insieme a tutte le forze economico-sociali del territorio: "La prospettiva- e' il messaggio del segretario ai 'civici'- puo' indicarla solo la politica. Noi a Forli' abbiamo rinnovato molto il partito e aperto alle nuove leve anche al congresso, ma l'esperienza dei meno giovani ci serve sempre".

 

Martedì Di Maio ha ascoltato in commissione la relazione del direttore generale dell'Ausl Licia Petropulacos: "Il taglio di 4,4 milioni di euro quest'anno non e' un intervento stravolgente, va fatto. La sfida nella sanita' e' unire sostenibilita' e servizi di qualita' ai cittadini. Certo- evidenzia Di Maio-

bisogna che Forli' si adegui ai livelli di costo regionali, non possiamo essere cosi' lontani dalla media". Questo non significa deprimere le eccellenze: "Sto leggendo un servizio su 'Focus' di cinque pagine sul nostro ospedale. Manteniamolo cosi' virtuoso, tagliare non deve significare declassare il servizio", osserva il segretario Democratico.

 

In ottica di Area Vasta, il segretario territoriale fa una previsione: "Di qui al 2030 vedrei bene un

ufficio acquisti unico tra le quattro Ausl romagnole. La fusione tra Forli' e Cesena? Intanto proseguiamo con l'integrazione, piu' si semplifica e meglio e'". Sul tema aeroporti, con la Regione e gli enti locali che parlano di "volonta' comune" sull'integrazione Forli'-Rimini senza ancora ottenere risultati concreti, Di Maio detta l'urgenza: "Ancor prima del rapporto con Rimini, la priorita' per Forli' e' il processo di privatizzazione in corso perche' la societa' di gestione, Seaf, ha bisogno di risanarsi. Alla Regione chiedo di coordinare un sistema in cui tutti gli scali siano operino in sinergia tra loro ricordando che non solo Forli' ma anche Bologna, da sola, non ce la fa. A Rimini dico di non considerare la vicenda Wind Jet come un successo, perche' la concorrenza che c'e' oggi- precisa il segretario- non giova a nessuno".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Venendo al caso di Sapro, la partecipata fallita con 138 milioni di euro di passivo, va citato il presidente della Provincia Massimo Bulbi che due giorni fa in Consiglio, unico caso, ha votato contro l'istituzione della commissione speciale. "Cio' dimostra che il Pd non e' una caserma e comunque- sottolinea Di Maio- con Bulbi non esistono incidenti. La commissione puo' fare chiarezza e risponde ad esigenze politiche, ma dico che la via maestra per accertare le responsabilita' e' quella giudiziaria". (Dire)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -