Forlì, diossina. Comune e Provincia mettono in campo nuovi controlli

Forlì, diossina. Comune e Provincia mettono in campo nuovi controlli

Forlì, diossina. Comune e Provincia mettono in campo nuovi controlli

FORLI' - Le amministrazioni comunale e provinciale hanno condiviso con Arpa e Ausl la necessità di un approfondimento sui livelli di diossina rilevati, al fine di garantire la salute dei cittadini forlivesi, tenendo conto che nell'area di ricaduta dell'inceneritore vi sono le abitazioni di diverse centinaia di famiglie. L'analisi, che partirà dall'ampliamento dei controlli annuali già in essere sulle matrici alimentari e ambientali, dovrà includere una verifica delle emissioni, al fine di rivalutare le principali sorgenti di produzione delle diossine.

 

Lo comunica una nota del Comune. In particolare, si costituirà un tavolo tecnico con rappresentanti di Ausl, Arpa, Ordine dei medici e delle amministrazioni provinciale e comunale al fine di condividere i criteri per il controllo dei livelli di diossina sulle matrici ambientali e alimentari. I risultati saranno presentati pubblicamente. Le amministrazioni confermano le proprie politiche di gestione dei rifiuti, che prevedono azioni per la riduzione dei rifiuti e per incentivare la raccolta differenziata attraverso il porta a porta. Inoltre, confermano l'intenzione di costituire un distretto del riciclo locale, realizzando le condizioni per privilegiare il recupero e riciclo di materiale rispetto allo smaltimento in inceneritori o discariche.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Isde ha recentemente presentato i risultati di analisi condotte dal Laboratorio Microinquinanti Organici del Consorzio Interuniversitario "La Chimica per l'Ambiente" (INCA) sulle diossine in polli, uova e latte materno in area di ricaduta degli inceneritori della nostra città. Il problema dei livelli di diossina nel territorio forlivese tratta un tema generale, riferibile principalmente ai limiti fissati dalla normativa nazionale, che recepisce quanto stabilito dalle direttive europee ed applicato in tutti gli altri territori d'Italia e d'Europa. Nel caso specifico delle emissioni dell'inceneritore di Forlì anzi, come è noto e riportato da più parti, sono stati stabiliti limiti più restrittivi nell'Autorizzazione (concentrazione di 0.05 ng/Nm3 invece di 0,1 ng/Nm3; imposizione di un ulteriore limite di 0,01 ng/Nm3 per la media dei valori annuali, pur non essendo previsto dalla Legge), che vengono costantemente controllati dagli enti preposti.

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Stefano S.
    Stefano S.

    MI ASSOCIO. GRAZIE PER IL VOSTRO IMPEGNO e per tutti quelli che credono in questa battaglia.

  • Avatar anonimo di Virrotio Fabbri
    Virrotio Fabbri

    Un grazie di cuore a Patrizia Gentilini dell'Isde e Raffaella Pirini di Destinazione Forlì. Senza di voi non avremmo mai ottenuto tutto questo. Speriamo sia la volta buona

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -