Forlì, disoccupato tenta il suicidio in Comune

Forlì, disoccupato tenta il suicidio in Comune

FORLI' – La disperazione dettata dallo stato di disoccupazione l'ha indotto all'estremo tentativo di attirare a se l'attenzione. Così giovedì pomeriggio, attorno alle 13, un pluripregiudicato 40enne, R.P. (le sue iniziali) ha deciso di tagliarsi le vene delle braccia nell'atrio del palazzo comunale di Forlì. Le urla di dolore sono state ascoltate anche dal sindaco Nadia Masini che si trovava nell'anticamera del palazzo. Polizia e 118 hanno soccorso la persona.


L'uomo, a quanto pare, aveva deciso di compiere l'atto dimostrativo in quanto alla disperata ricerca di lavoro. Così ha deciso di far recepire il messaggio di disperazione direttamente al Sindaco, con la speranza di riuscire ad ottenere in futuro un posto fisso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così l'individuo, con l'ausilio di un coltellino, è passato ai fatti, cominciando a graffiarsi alle braccia, ferendosi. Sul posto, in suo soccorso, sono subito intervenuti gli agenti della Volante del Commissariato di Forlì ed i medici del 118 che hanno provveduto a curare il ferito.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -