Forlì: dissesto dell'Ausl, l'assessore Bissoni: "Bilanci falsati"

Forlì: dissesto dell'Ausl, l'assessore Bissoni: "Bilanci falsati"

Forlì: dissesto dell'Ausl, l'assessore Bissoni: "Bilanci falsati"

FORLI' - La Regione già promette di attivarsi contro i bilanci che vengono definiti "falsati". Il gruppo di verifica della regione oltre che l'accertamento della situazione, infatti, avrà il compito dell' "individuazione delle cause che l'hanno determinata e delle relative responsabilità": lo precisa una nota della Regione, che tuttavia parla di un buco di bilancio di 30,5 milioni e non di 34, come indicato dall'Ausl di Forlì.

 

LE RAGIONI DELLO SQUILIBRIO

Entra nel dettaglio la Regione: lo squilibrio è "da attribuirsi ai costi di competenza dell'esercizio trasferiti nell'esercizio successivo; insussistenze dell'attivo; accantonamenti per rischi ed oneri". I punti più critici relativi al sistema di non corretta contabilizzazione rilevati dal Gruppo di verifica sono stati, nell'elenco dell'assessorato alla Sanità: la tardiva registrazione dei documenti commerciali, secondo un comportamento seguito in modo palesemente anomalo per ripetitività ed entità, la non corretta determinazione delle partite di fine esercizio (accantonamenti e svalutazioni), a non corretta iscrizione di alcune partite creditorie.

 

ESCLUSE DISTRAZIONI E RUBERIE

"Al riguardo- tenta di rassicurare l' assessore Giovanni Bissoni- dagli elementi emersi dalla verifica effettuata ed illustrati ora nella relazione, si conferma che le disfunzioni gestionali non sono da ricollegarsi a fatti appropriativi o a fenomeni di distrazione dalle finalità assistenziali del denaro pubblico. "Ciò non toglie- aggiunge Bissoni- che vi sia stata una falsata rappresentazione della reale situazione di bilancio dell'Azienda, che registra di fatto una spesa significativamente superiore a quanto previsto dalla programmazione regionale".

 

LA REGIONE: ANDREMO PER VIE LEGALI

E ancora: "Sulla rilevanza di tali false rappresentazioni l'ufficio legale della Regione sta ora valutando le opportune iniziative". La regione sarà impegnata ora sul piano di rientro, che "riconduca la gestione finanziaria ad una situazione di graduale ma rigoroso equilibrio". L'assessore Bissoni parla quindi di "eccezionalità e unicità della situazione dell' Azienda di Forlì, e il preventivo intervento regionale in sede di approvazione del consuntivo 2008 dimostrano, da un lato, la complessiva corretta gestione finanziaria del Servizio sanitario regionale e, dall'altro, l'esistenza di un efficace sistema di controllo".

 

"NON E' PER COLPIRE L'AUSL DI FORLI'"

Bissoni, infine, mette le mani avanti sulle possibile polemiche politiche: "Accreditare questo percorso ad una supposta volontà regionale di drammatizzare una situazione finanziaria locale per imporre un nuovo assetto organizzativo alle Aziende sanitarie di Forlì e Cesena è destituito di fondamento, contraddetto da ogni atto concreto della Regione, delle Conferenze Territoriali Sociali e Sanitarie, palesemente strumentale, ad una visione di parte nella imminenza della prossima campagna elettorale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -