Forlì, dissidio nella Lega: Casara cambia posto in Consiglio comunale per protesta

Forlì, dissidio nella Lega: Casara cambia posto in Consiglio comunale per protesta

La consigliera Paola Casara

FORLI' - C'è tensione all'interno della Lega Nord di Forlì, una tensione che lunedì pomeriggio in Consiglio comunale ha preso forma visibile in un distanziamento della consigliera del Carroccio Paola Casara di ben tre scranni, ma sulla stessa fila, dal capogruppo leghista Francesco Aprigliano. La stessa Casara non nasconde la lite all'interno del gruppo consigliare, composto da tre consiglieri (il terzo è Massimiliano Pompignoli). Non si tratta di divergenze politiche, garantisce Casara, che conferma: "Sono allineata al cento per cento alle posizioni del partito".

 

Il dissidio è con Francesco Aprigliano, che nel corso di una recente riunione interna al partito avrebbe attaccato la collega leghista, che è anche moglie di Giorgio Rusticali, figlio dell'ex sindaco Pci di Forlì Franco Rusticali e attuale presidente della Seaf, la società di gestione dell'aeroporto. Casara spiega di aver subito "un attacco personale", che ritiene inaccettabile "nei modi e nel contesto fuori luogo in cui è avvenuto".

 

E aggiunge: "Sarà che veniamo da due ambienti diversi, ma io sono un'insegnante e ritengo che l'educazione venga prima di tutto, ci possono essere modi diversi di dire le stesse cose". In ogni caso, spiega Casara, "resto in una mia posizione autonoma anche perché il partito non è una caserma e io non sono un militare", pur riconoscendo "la chiarezza dei ruoli, per cui Aprigliano è il mio capogruppo".

 

Insomma, nessuna frattura in vista nel gruppo consigliare del Carroccio, garantisce Casara, "ma ci vorrà del tempo" per sanare la frattura, che è a questo punto è personale e non sulle posizioni politiche. "Non sono un politico e non riesco a fare buon viso quando ricevo attacchi personali: ne vedo troppi anche a livello nazionale e non mi piacciono", conclude.

 

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Penso che Pini abbia fatto male a imbarcare uno come Aprigliano. Lui ha la sua storia politica ... e i suoi voti. Che senso ha avere un seggio in più se poi ci si lascia andare a comportamentio inconsulti ? L'elettorato della Lega di Forlì non ci mangia con la politica, e accetta che la Lega stia all'opposizione purchè mantenga una sua identità. Altrimenti, la prossima volta, tanto vale prendere dentro anche Mastella, con tutto il rispetto ...

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    Ciò che importa è che al di là dei rapporti personali tra i consiglieri ; Paola Casara faccia fede agli impegni presi, soprattutto nei confronti degli elettori.....pur mandando giù cose poco piacevoli dal punto di vista personale......é così che si dimostra di essere più forti ! Fiera di lei.

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Pensavo si fosse allontanata per non sentire il tanfo dei comportamenti poco comprensibili riguardo la sua coalizione a livello governativo (leggi vicenda Bracher o come cavolo si chiama). Ma non si vergognano?

  • Avatar anonimo di vico
    vico

    Va bene che secondo Matteo Salvini, parlamentare europeo della Lega Nord, i meridionali non si lavano, ma 3 posti mi sembrano troppi....

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    Brava Casara, una scelta che a livello umano condivido al 100%. Non c'è paragone a livello di stile ed educazione...si possono dire anche le cose più dure e politicamente scorrette, senza scadere sempre e comunque nell'insulto, nella polemica fine a ste stessa o peggio ancora negli attacchi personali verso chi non la pensa come te che siano membri della maggioranza, ex alleati o , cosa ancor più grave, compagni di partito. Massima solidarietà alla nostra Consigliera Veronese (il pedegree è quello giusto :-)) e forza Lega sempre!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -