Forlì: distribuzione diretta farmaci, Varani (PdL) interroga la Regione

Forlì: distribuzione diretta farmaci, Varani (PdL) interroga la Regione

FORLI' - "L'Asl di Forlì, con propria nota indirizzata ai medici di base, avrebbe ampliato in maniera rilevantissima i farmaci assoggettati alla distribuzione diretta, saltando, di fatto, il circuito a ciò legittimato delle farmacie, a partire dal 30 marzo".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scrive Gianni Varani (fi-pdl) in una interrogazione alla Giunta per sapere dalla Regione se questa operazione sia considerata legittima, avvallata o meno da disposizioni regionali. Il consigliere, visto che tale operazione, per la sua portata anche sul piano dei fatturati, risulta essere un vero e proprio attentato alle farmacie, che già hanno perso con la prima introduzione della distribuzione diretta il 30% circa del fatturato e che con questa ulteriore iniziativa perderebbero quote stimabili nel 30-35% stante la natura dei farmaci coinvolti, chiede alla Regione di ridiscutere questa operazione e di fermarla anche per l'impatto che avrebbe sul servizio di pubblica utilità quale quello delle farmacie.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Roberto S
    Roberto S

    Sarei d'accordo con la protesta delle farmacie se le stesse vendessero solamente medicinali... ma in farmacia ormai è come entrare in un bazar, trovi di tutto a prezzi altissimi! A questo punto non sono più farmacie ma semplicemente empori dove si possono trovare anche i materassini da mare ed i salvagente! Sposerei questa battaglia se le farmacie fornissero SOLO ED ESCLUSIVAMENTE FARMACI... ma questa è fantascienza...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -