Forlì, doppio appuntamento sabato alla Biblioteca Ragazzi

Forlì, doppio appuntamento sabato alla Biblioteca Ragazzi

FORLI' - Nell'ambito della rassegna "Incontri in biblioteca: dal classicismo nelle Raccolte Piancastelli al dialogo interculturale" sabato 22 maggio, alle ore 17.00, la "Sezione Ragazzi" della Biblioteca Saffi (corso della Repubblica n.78) ospita il secondo appuntamento con gli scrittore "migranti": Licia Reggiani (Università di Bologna) intervista  Tahar Lamri, autore del libro "I sessanta nomi dell'amore". Per i più piccoli, in contemporanea,  nella nuova sala dei colori è in programma "Altre storie d'altri", favole dal mondo per bambini da 4 a 7 anni a cura di Laura Aguzzoni e Compagnia Bella, lettura animata inserita nel calendario di iniziative del progetto "Nati per Leggere". Proposte di lettura saranno a disposizione di grandi e piccini e, per finire, merenda per tutti.
 
Nati per leggere è un progetto nazionale che si propone di favorire la diffusione della lettura ad alta voce nella primissima infanzia, vista come un'opportunità fondamentale di sviluppo affettivo e cognitivo per il bambino. (www.natiperleggere.it )

 

Tahar Lamri  è nato ad Algeri nel 1958. Laureato in Legge all'Università di Benghazi (Libia), vive a Ravenna dal 1987. Lamri è stato il primo vincitore del concorso letterario Eks&Tra (opere raccolte nel volume Le voci dell'arcobaleno, Fara Editore, 1995) con il racconto "Solo allora sono certo potrò capire", pubblicato  anche nell'antologia Mediterranean Crossroads (Fairleigh Dickinson University Press - Associated University Press, 1999).
L'autore ha raccolto in un unico volume i racconti brevi e lunghi scritti in un periodo di una decina d'anni. Ha però voluto dare una specie di cornice ai suoi testi, un po' come avviene nelle Mille e una notte, ove i racconti sono raccordati dalla storia del re che aveva deciso di uccidere ogni notte la vergine con cui aveva trascorso la notte, per vendicarsi del tradimento della moglie. Sharazad tiene in vita se stessa e le altre vergini del regno raccontando ogni notte una storia al re senza però finirla mai, in modo da tenere la curiosità del re sempre desta. Dopo mille e una notte il re ha dimenticato il suo proposito riconciliandosi con la vita.
Nel testo di Tahar Lamri, però, la cornice diventa essa stessa una storia, anzi la storia. Un delicato racconto d'amore costruito su una corrispondenza via e-mail fra una giovane curiosa di cultura araba e uno studioso algerino.

 

Per informazioni: Biblioteca Saffi - Unità Moderna e Multimediale
Corso della Repubblica n.72, tel. 0543.712600, biblioteca-saffi@comune.forli.fc.it

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -