Forlì, è nata l'associazione dei consiglieri comunali

Forlì, è nata l'associazione dei consiglieri comunali

L'ex sindaco Nadia Masini

FORLI'  - E' nata l'associazione dei Consiglieri comunali. Sulla falsariga delle associazioni di ex parlamentari ed ex consiglieri regionali, anche gli ex consiglieri comunali delle legislature degli ultimi 25 anni del Comune di Forlì hanno il loro sodalizio. Sono 23 i soci fondatori e tra essi figurano l'ex sindaco Nadia Masini. Nutrito il "drappello" della giunta precedente: ci sono dentro gli ex assessori Lodovico Buffadini, Elvio Galassi, Evangelista Castrucci, Tiziano Marchi, Piergiuseppe Bertaccini e Sandra Morelli.

 

Il compito di presiedere l'associazione va a Romano Baccarini, ex senatore democristiano ed ex consigliere comunale di ‘Viva Forlì' che promette che "l'associazione si guarderà bene dall'entrare nel dibattito come una parte". Lo scopo, invece, è quello di "riportare la politica locale in mezzo alla gente, che percepisce lo Stato sempre di più come lo ‘Stato degli altri'", continua Baccarini. L'ex consigliere comunale riflette poi sulle indagini che tengono banco a livello nazionale: "Altro che tangentopoli, questa vicenda indica un inquinamento generale delle attività dello Stato".

 

A chiarire lo scopo dell'associazione, aggiunge Masini: "Dovrà alimenterà una cultura politica nell'interesse generale". Questo l'organigramma: Baccarini è presidente, Flavio Giunchi coordinatore e segretario, Romeo Godoli è il tesoriere, mentre completano il consiglio Nadia Masini e Gisella Ponzi. L'associazione avrà sede nel palazzo comunale e vede la partecipazione, su base volontaria di consiglieri in carica ed ex consiglieri di tutti gli schieramenti.

 

Che siedono tuttora sui banchi della massima assise cittadini ci sono Castrucci e Roberto Gasperoni. Ecco gli altri aderenti: Andrea Avellone, Danilo Casadei, Alessandro Castagnoli, Massimo Faggiotto, Fabrizio Francia, Viviana Neri, Oreste Prati, Pierfranco Rolli, Alessandro Ronchi, Giovanni Tavoletti, Marco Valentini. Plaude all'iniziativa, infine, l'attuale presidente del Consiglio comunale Paolo Ragazzini: "E' un'iniziativa che denota spirito civico e senso della politica di servizio". Dal punto di vista logistico l'associazione usufruirà della stanze dei gruppi consigliari.

 

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Stefano S.
    Stefano S.

    Eravamo riusciti a toglierceli questi mangiapane a tradimento e loro ritornano. ODDIO!!!!

  • Avatar anonimo di pecoranera
    pecoranera

    in sostanza scusate cosa fanno? Circuiscono le poltrone?

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Cito: lo scopo è quello di "riportare la politica locale in mezzo alla gente, che percepisce lo Stato sempre di più come lo �Stato degli altri'". Aggiunge Masini: "Dovrà alimenterà una cultura politica nell'interesse generale". Credo che non ci sia bisogno d'aggiungere altro.

  • Avatar anonimo di Pablito
    Pablito

    Cui prodest?

  • Avatar anonimo di Luca
    Luca

    che manie di protagonismo.. sempre più chiusi in loro stessi

  • Avatar anonimo di pagnoncelli
    pagnoncelli

    ......se ne sentiva davvero la mancanza......

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -