Forlì, economia. Rapporto Unicredit: "Puntare sui mercati esteri per rilanciare le imprese locali"

Forlì, economia. Rapporto Unicredit: "Puntare sui mercati esteri per rilanciare le imprese locali"

La sala del convegno

L'internazionalizzazione, specie le esportazioni e la scoperta di nuovi mercati, è la grande opportunità  che le piccole imprese di Forlì possono e devono cogliere per rilanciare l'economia del territorio. Questo il principale risultato del Settimo Rapporto sulle Piccole Imprese di UniCredit. I dettagli locali della ricerca sono stati presentati martedì a Forlì nel corso dell'incontro sul tema "Le Pmi e la crisi economica", organizzato da Confindustria Forlì-Cesena e UniCredit presso la Sala Riunioni di Assoservizi Romagna.

 

Al tavolo dei relatori: Vincenzo Maria de Rosa, consigliere Confindustria con delega alla Finanza; Luca Lorenzi, Responsabile del Territorio Centro Nord UniCredit; e Stefano Rossetti, Responsabile Network Famiglie e Pmi Emilia Romagna UniCredit. In un contesto economico generale caratterizzato da una domanda interna che stenta a ripartire sia sul versante privato che su quello pubblico, l'export appare oggi l'unica vera strategia che le piccole imprese di Forlì hanno per uscire dalla crisi e attuare nuove politiche di crescita.

 

"UniCredit continua a confrontarsi con il territorio - dice Luca Lorenzi, Responsabile del Territorio Centro Nord UniCredit -, ascoltando direttamente la voce dei piccoli imprenditori dell'area di Forlì. La ricerca che presentiamo oggi costituisce per noi l'opportunità di apprendere dalla viva voce degli imprenditori quali sono i reali bisogni e le aspettative del tessuto economico locale, così da poter tracciare insieme un percorso di sviluppo concreto".

 

"Confindustria Forlì Cesena - evidenzia Vincenzo Maria de Rosa, consigliere Confindustria con delega alla Finanza - auspica che questo momento di incontro con UniCredit, la cui presenza nell'economia del territorio è particolarmente sentita, possa essere di ulteriore stimolo per lo sviluppo delle relazioni tra la banca e le proprie associate. I timidi segnali di ripresa, trainati dalla ripresa dell'export, devono essere infatti supportati da partner finanziari in grado di comprendere e rispondere alle istanze degli imprenditori. Ed in particolare le piccole e medie imprese, che rappresentano la stragrande maggioranza delle presenze nel nostro territorio, sono quelle che hanno maggior bisogno di sostegno nel proprio percorso di internazionalizzazione."-

 

Secondo i risultati del Rapporto UniCredit, tra le piccole imprese forlivesi, è diffusa l'opinione che il processo di internazionalizzazione abbia risvolti positivi per il sistema microimprenditoriale locale. In particolar modo, secondo il 43,3% degli imprenditori di Forlì intervistati il processo di internazionalizzazione potrà portare come beneficio nuove opportunità di mercato; il 36,5% segnala invece come possibile conseguenza positiva  una crescita nella richiesta di personale qualificato, dimostrando di capire che le sfida sui mercati internazionali si giocherà per lo più sul terreno di un miglioramento qualitativo dei prodotti offerti; tra gli effetti positivi del processo di internazionalizzazione si evidenzia anche un rinnovato impulso all'aggregazione tra piccole imprese (32,7%).

 

Allo stato attuale si registra tuttavia come, per tre piccole aziende su quattro, sia a Forlì che in tutta l'Emilia Romagna, l'area in cui si sviluppa il business raramente supera i confini provinciali e regionali. Per quanto riguarda la fiducia dei piccoli imprenditori di Forlì, rilevata tra giugno e settembre 2010 e relativa ai futuri 12 mesi, si conferma il perdurare di una situazione di incertezza. Va però rilevato che per le piccole imprese forlivesi le aspettative per il futuro prossimo sono più ottimistiche (indice di fiducia pari a 106) rispetto a quelle rilevate a livello regionale (101) e nazionale (104).

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Così tanti secchioni tutti in una volta per dire ovvietà di tal fatta ? Io li posso superare facilmente. "J. Dorian dice che per superare la crisi bisogna puntare su innovazione, ricerca e sui giovani. Ah e soprattutto sulle donne (visto che è l'8 marzo)". Visto ? E tutto gratis. Ora ne sappiamo quanto prima, ma almeno avrei fatto risparmiare a Camera di commercio un po' di soldi e all'Unicredit una operazione che è in realtà una vendita promozionale dei propri "servizi" ai piccoli imprenditori. "Ladro non è chi rapina una banca, ma chi la fonda" diceva, credo, Brecht. Non era molto lontano dalla verità.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -