Forlì, educazione alimentare e manualità. Duemila bambini a scuola con Cna

Forlì, educazione alimentare e manualità. Duemila bambini a scuola con Cna

Forlì, educazione alimentare e manualità. Duemila bambini a scuola con Cna

FORLI' -  Oltre 2.000 bambini e 82 classi (dalla prima alla quinta) delle scuole primarie di Forlì parteciperanno al progetto "Detto, fatto! A scuola con CNA", promosso da CNA Sede di Forlì, CNA Alimentare e CNA Artistico e Tradizionale, che ha preso l'avvio nei giorni scorsi e che è stato presentato oggi in occasione di una conferenza stampa. "Detto, fatto!" propone - per l'anno scolastico 2010/2011 - 6 laboratori, incentrati su due temi: abilità manuali ed educazione alimentare.

 

I bambini potranno fare esperienze che vanno dalla terracotta refrattaria alla stampa ruggine, dalla cartapesta alla panificazione e pasticceria, dal cioccolato alla classificazione.Tutti i laboratori sono completamente gratuiti per le scuole.

 

Lorenzo Zanotti, Presidente di CNA Sede di Forlì, ha sottolineato come il progetto sia segno del radicamento di CNA sul territorio. "Prima che essere imprenditori - ha affermato Zanotti - siamo cittadini. Questo progetto poi è circondato da grande entusiasmo. L'artigiano è già entusiasta per sua natura, ma in questo caso si è trattato di una vera e propria esplosione".

 

Gabriella Tronconi, Assessore alle Politiche educative e formative del Comune di Forlì, ha ringraziato CNA: "questo progetto mi ha dato entusiasmo e spinta in un momento di difficoltà. Il collante è stato quello della generosità e da lì le iniziative sono fiorite. La chiave di lettura è quella di collegare passato e presente e favorire nei bambini la capacità di essere propositivi nel futuro. Vorrei sottolineare anche l'importanza della manualità e della creatività per una crescita equilibrata". Giorgio Giorgini, Presidente di CNA Alimentare, ha raccontato le reazioni dei bambini che hanno partecipato al laboratorio sulla caseificazione: "quanto sono sensibili i bambini al miracolo del caglio che con poche gocce trasforma il latte in formaggio! È questo il contributo che possono dare le imprese di CNA, così profondamente radicate in un territorio che amano e che vogliono rendere migliore".

 

Laura Pedulli, responsabile del progetto, ha sottolineato la grande passione e motivazione sia da parte delle imprese che curano i laboratori sia da parte degli insegnanti e dei dirigenti scolastici.

Si è respirato grande entusiasmo anche nei racconti delle insegnanti e delle dirigenti scolastiche, alcune delle quali hanno già partecipato ai primi laboratori, avviati subito dopo l'Epifania. In particolare, Nadia Tozzi, insegnante, ha raccontato come l'esperienza della stampa ruggine sia stata splendida per i bambini, che si sono mostrati entusiasti, molto attivi, facendo domande e stampando con molta precisione. Tutti gli insegnanti e dirigenti hanno sottolineato l'importanza dello sviluppo della manualità nei bambini, in un momento perché in questa rischia di perdersi, anche perché dà la possibilità a tutti di esprimersi (anche quelli che hanno difficoltà in altre materie).  È stato sottolineato anche il grande rispetto nei confronti della scuola e al lavoro degli insegnati dimostrata da CNA.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono 12 le scuole forlivesi coinvolte nel progetto: Rivalti (Ronco), Saffi (Viale Spazzoli), Fabbri (Centro storico), Peroni (Vecchiazzano), Bersani (Coriano), Raggi (Roncadello), Valli (Carpinello), Focaccia (Viale Appennino), Rodari (Ca' Rossa), Matteotti (Via Ribolle), Melozzo (Via Turati), S. Dorotea (Centro Storico).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -