Forlì, elezioni. La difficile mediazione tra le due anime del Pd

Forlì, elezioni. La difficile mediazione tra le due anime del Pd

Roberto Balzani, candidato sindaco del Pd a Forlì-2

Fatica a spegnersi il fuoco della polemica fomentato dalle primarie del Partito democratico a Forlì. La direzione territoriale del Pd, così come l'assemblea comunale di giovedì scorso, è stata sospesa lunedì sera e riprenderà i suoi lavori lunedì prossimo. Troppi gli interventi previsti, che hanno indotto il segretario territoriale Castagnoli a rinviare di una settimana la discussione. Nel frattempo, però, non si sono fermate le tensioni sulla vittoria di Roberto Balzani alle primarie.

 

Tra citazioni di casi di elettori di centrodestra chiamati a votare per Balzani, distinguo e qualche malumore per la presenza dei giornalisti in sala, più di uno sono stati gli interventi tesi a riconciliare il clima tra ‘masiniani' e ‘balzaniani'. Tra questi anche quello di Giuliano Pedulli, ex deputato ed ex segretario dei Ds per oltre un decennio, applaudito e apprezzato dai presenti in sala.

 

"Balzani e' il nostro candidato e tutto il partito lavorera' per lui". Pedulli si e' definito "uno dello zoccolo duro, come ci chiamano" e si e' detto preoccupato perche' "mancano 143 giorni alle elezioni e rischiamo in quell'occasione di trovarci, come oggi, in una situazione difficile".

 

Anche Guglielmo Russo, consigliere provinciale, ha ricordato che "le divisioni c'erano anche prima, e' per questo che siamo arrivati alle primarie". Per Russo, che ha chiesto al segretario la nomina di un esecutivo per una gestione piu' snella ed efficace del partito, "e' inutile negare che ci sono due idee diverse di politica, di partito e di valutazione dell'esperienza amministrativa". Russo ha fatto notare, poi, che "non e' vero, pero', che il Pd e' nato il giorno delle primarie, come ha detto Balzani, siamo gli eredi di una decennale esperienza di buon governo del territorio".

 

Elisa Massa, segretario comunale, è intervenuta per precisare che "nessuno ha mai messo in discussione l'amministrazione uscente, non c'e' bisogno di quel giudizio chiesto dal segretario". Per Carlo Giunchi, sostenitore di Roberto Balzani, "una vittoria cosi' risicata e' un valore aggiunto, perche' impone la necessita' di tenere conto dell'altro, cosa che non succede nelle primarie bulgare". Prossima tappa del percorso verso l'unità l'assemblea comunale di mercoledì sera alla Taverna Verde.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -