Forlì, elezioni. Minutillo (Destra), nuovo affondo contro gli alleati

Forlì, elezioni. Minutillo (Destra), nuovo affondo contro gli alleati

FORLI' - Il segretario provinciale della Destra, Francesco Minutillo, torna all'attacco degli alleati di centrodestra dopo la recente polemica tra Lega Nord e Alleanza nazionale. "Speravo che l'autunno imminente portasse un po' di senno tra i vertici del DC-PDL e della Lega - osserva Minutillo -. Purtroppo non è così e, come avevo denunciato qualche giorno or sono, l'opposizione politica della città continua a dimostrare tutta la sua irresponsabilità nei confronti degli elettori".

 

"Le schermaglie tra Dall'amore e Pini avranno fatto certamente ridere la sinistra - sostiene Minutillo -, che assiste ad un centrodestra sempre più diviso e rissoso financo nel suo interno, ma, con altrettanta sicurezza, avranno fatto piangere i forlivesi che vedono, giorno dopo giorno, svanire sempre più la possibilità di riuscire finalmente a mandare a casa la sinistra alle prossime elezioni comunali".

 

"E' necessario che vi sia una forte presa di coscienza da parte di tutto il centrodestra - sostiene il leader locale della destra di Storace - sul fatto che solo una coalizione integra, unita e guidata da un forte candidato a sindaco diffusamente stimato, potrà giocarsi seriamente la partita per il comune di Forlì.  Presa di coscienza che non vedo oggi, del resto Dall'amore e Pini docent".

 

"Bisogna imparare a mettere da parte i personalismi e i giochetti di partito e pensare al bene della città - è l'esortazione - ed essere finalmente capaci di ascoltare l'urlo di disperazione e di libertà che sgorga dai petti di tutti gli uomini e le donne di destra che vogliono vedere Forlì liberata dal gioco catto/vetero comunista che soverchia la politica e l'economia cittadina da sempre".

 

"Vogliamo o no iniziare a fare seriamente politica?", chiede Minutillo agli alleati. "La domanda è legittima, così come è legittimo chiedersi se questi siano gli uomini giusti - prosegue l'esponente de La Destra -. Se, infatti, da una parte, ha ragione Pini nel dire che AN ed, in particolare Dall'amore ed il suo assistente in seconda Bartolini, nelle loro derive democristiane, non contano più nulla poiché vittime dell'Offerta Pubblica di Acquisto lanciata da Forza Italia in cambio della Presidenza della Camera, dall'altra ha ragione Dall'Amore nel contestare a Pini scarsa serietà politica nel momento in cui paventa inesistenti cordate a salvataggio dell'aeroporto di Forlì solo per ottenere qualche pagina sui giornali (e gettando fumo negli occhi dei forlivesi)".

 

"Entrambi non capiscono, o non riescono a capire - il che sarebbe ancor più grave -, che in questo momento sarebbe meglio andare oltre i piccoli confini dei loro orticelli per iniziare a guardare agli orizzonti di libertà cui anelano i forlivesi - prosegue Minutillo -. Mi auguro tuttavia che il tempo porti consiglio. Da uomo di destra non sono abituato a perdere la speranza, né la perderò".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Anche perché - conclude Minutillo - in ogni caso saremo capaci di farci carico delle esigenze dei forlivesi per spiegare loro che per battere le sinistre ci sarà bisogno di uomini e di politici sinceramente interessati alle sorti della città. E non ai loro piccoli rigurgiti di interesse solo particolare".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    Lo strillare e i piagnistei di Minutillo sono simili a quelli di un bambino che critica i compagni di classe perchè non lo hanno invitato alla festa. Tutti sti appelli all'unità del centro destra quando non ha capito che il cdx non se lo fila di striscio...mah....

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -