Forlì, elezioni. Minutillo: "Nervegna, Bartolini e Pini si dimettano"

Forlì, elezioni. Minutillo: "Nervegna, Bartolini e Pini si dimettano"

Forlì, elezioni. Minutillo: "Nervegna, Bartolini e Pini si dimettano"

FORLI' - "Chiedo ufficialmente a Nervegna, Bartolini e Pini di assumersi la responsabilità delle condizioni in cui versa oggi il centrodestra forlivese rassegnando le dimissioni dai loro incarichi politici. Hanno miseramente fallito le previsioni ed hanno completamente sbagliato la strategia: facciano un grande favore ai forlivesi se ne vadano insieme alla Masini, perchè rappresentano veramente il vecchio della politica cittadina". Durissimo attacco di Francesco Minutillo, segretario provinciale di Centrodestra, nei confronti degli ormai ex alleati di centrodestra.

 

"E' da settembre che noi della Destra continuiamo a ribadire, giungendo persino a fare dei pubblici manifesti - ricorda Minutillo -, che il centro destra, per le prossime elezioni comunali di Forlì, si doveva riunire in una unica coalizione guidata da un solo, condiviso, candidato a sindaco. Non solo: diciamo da sempre, e l'ho ribadito io stesso in una lettera aperta a Rondoni mercoledì scorso, che il centrodestra non poteva, come non può, farsi dettare l'agenda politica dalla sinistra".

 

"La gente è stanca di questa amministrazione ultra decennale ma vincere la sfida con le sinistre avrebbe preteso una strategia completamente differente - ritiene Minutillo -, mostrando un centrodestra forte, convinto delle proprie possibilità e del proprio candidato, capace di affrontare con credibilità e persuasione una prova certamente non facile".

 

"Il candidato si sarebbe dovuto scegliere a ottobre - sostiene il leader locale della Destra - per dargli modo di confrontarsi con gli sfidanti delle primarie su tutti i temi che costoro, via via, andavano a toccare, facendo così capire ai forlivesi che, qualunque sarebbe stato il risultato di tali consultazioni interne al PD, l'unica vera alternativa di rinnovamento sarebbe stato il nostro uomo".

 

"Così non è stato: Nervegna, Bartolini e Pini hanno compiuto la loro analisi politica e hanno dedotto che l'unico avversario sarebbe stato la Masini - continua Minutillo -, scommettendo contro di lei ogni strategia politica. Con ciò si sono quindi messi a litigare l'un con l'altro per cercare di massimizzare quanto più possibile di positivo unicamente per i loro interessi perchè tanto la barca sarebbe andata avanti lo stesso".  

 

"Hanno sbagliato clamorosamente - sentenzia Minutillo - ed oggi se il centrodestra si trova spiazzato di fronte a Balzani la colpa è solo ed esclusivamente loro: si vergognino e, almeno per una volta nella loro vita, dimostrino responsabilità politica e se ne vadano pechè se a Forlì la sinistra governa da sessant'anni è per causa  proprio di politici come costoro".

 

"Noi della Destra diciamo basta - conclude Minutillo -. Non ci stiamo più a questo gioco al massacro sulla pelle dei forlivesi: si inizi entro la settimana a lavorare per una conferenza programmatica nella quale decidere l'unico candidato a sindaco, le linee programmatiche e la squadra amministrativa, cercando di organizzare una strategia politica efficiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altrimenti noi saremo costretti a prendere atto che il PDL e la Lega sono del tutto inaffidabili e politicamente irresponsabili. Ma a quel punto assumeremo noi la responsabilità civica che domandano i cittadini di centrodestra, che chiedono una opposizione valida e capace di mettere in crisi la sinistra, e ci costituiremo parte civile in loro nome ed in loro conto presentando la nostra candidatura a sindaco".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Pippo
    Pippo

    Mi associo agli interventi di Baldini e Minutillo. Complimenti al Pd che è stato in grado di rinnovarsi in modo democratico. Adesso vediamo cosa succede. Mi scappa da ridere se penso al concorso della VOCE.....il nuovo che avanza........ Nervegna, Burnacci, Bartolini e Pini...e questo è il nuovo. Con questo centro destra possiamo anche fare a meno di andare al voto.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -