Forlì, elezioni. Ruscelli (Prc): "Disorientati dalla versione 'vintage' del Pd"

Forlì, elezioni. Ruscelli (Prc): "Disorientati dalla versione 'vintage' del Pd"

FORLI' - "Esenzione dalle addizionali dei ceti meno abbienti, raccolta differenziata dei rifiuti col metodo porta a porta, ampliamento del fondo per le famiglie in difficoltà". Rifondazione comunista fissa le condizioni per un'alleanza con il Partito democratico a Forlì in vista delle elezioni amministrative del 2009.

 

Un'alleanza che ancora non è scontata, soprattutto da parte del partito veltroniano che ha appena cominciato il dibattito sul proprio candidato sindaco (dopo la ricandidatura di Nadia Masini e in attesa della scesa in campo di Roberto Balzani) e non ha ancora affrontato il nodo delle alleanze.

 

A parte questo, però, il segretario federale del Prc, Luciano Ruscelli, conferma che "Rifondazione terra' fede fino in fondo al mandato ricevuto dai cittadini, portando a termine la legislatura". Tuttavia qualche perplessità sulle posizione assunte dal Pd in questi giorni non mancano.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare Ruscelli si riferisce alla rivendicazione, da parte del capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Marco Errani, del ruolo di "primo partito cattolico" della città. Una "nuova veste", come la definisce Ruscelli, che ha "disorientato" Rifondazione, alla luce del fatto che il Pd "è uno schieramento nato all'insegna del nuovo e del superamento delle vecchie dinamiche". Una presa di posizione forse dettata dai tempi: "evidentemente anche in politica e' di moda il vintage", è la conclusione di Ruscelli.

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Ombretta
    Ombretta

    Infatti fosse un problema di alcool la soulzione sarebbe la disintossicazione! Il problema é la radicata ignoranza (nel senso di ignorare) della nostra sinistra italiana. Il problema della raccolta differenziata é si prioritario ma il porta a porta non funzione in una città piccola come Forlimpopoli... come potrebbe funzionare a FOrlì? E poi il maggior costo che ne deriva per l'utilizzo di maggior forza lavoro chji lo deve pagare? Sono d'accordo per aiutare i meno abbienti ma purché siano cittadini italiani e non extracomunitari... E oi non ho capito il discorso del vintage.... qualcuno me lo può spiegare per farvore?

  • Avatar anonimo di renzo397
    renzo397

    La raccolta differenziata nel nostro comune(non dico Napoli) è prioritaria per rifondazione.I verdi impallidiscono di fronte a certe strategie,si sentono superati,inadeguati,non avvertono i cambiamenti in atto.Con questo programma,rifondazione non solo vincerà,ma otterrà la maggioranza assoluta.

  • Avatar anonimo di Martino
    Martino

    Temo non sia un problema di alcol, è questo il problema...

  • Avatar anonimo di Paolo1
    Paolo1

    Se è vera la dichiarazione di Errani propongo che vengano effettuati gli alcool test ai consiglieri comunali prima dell'inizio delle sedute per verificarne lo stato fisico.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -