Forlì, elezioni. Ruscelli (Rifondazione): "Sulle primarie il Pd parla solo con sè stesso"

Forlì, elezioni. Ruscelli (Rifondazione): "Sulle primarie il Pd parla solo con sè stesso"

Al congresso del Partito della Rifondazione Comunista della Federazione di Forlì era stato lanciato un forte auspicio per provare  ad avere tutti quel senso di responsabilità che era  necessario in un momento come quello che attraversava il partito all'indomani del risultato del 13 e 14 Aprile.Un richiamo forte ad attivare tutte le nostre relazioni perché quella di Vecchiazzano, la nostra festa, fosse  la nostra piccola ripartenza, insufficiente certo, ma carica anche di quei significati simbolici che i nostri militanti sentivano necessari.

 

Se il buon giorno si vede dal mattino, il risultato della festa ci consegna buoni auspici. Maggiori le presenze e più grande la partecipazione attiva dei militanti a cui va tutto il nostro ringraziamento.Certo insufficiente, ma utile come base per affrontare l'impegno che ci attende nella primavera del 2009.Il Congresso nazionale ci indica una linea politica chiara al fine di costruire un fronte di partecipazione attiva con tutte le altre forze di sinistra e ambientaliste contro lo scempio materiale e culturale che il governo delle Destre ha già dimostrato di voler agire. Un fronte autonomo dal PD e dall'IDV dai quali ci divide non ultimo il voto unanime, assieme alle destre, sul trattato di Lisbona. A dimostrazione che là dove i popoli si esprimono in maniera contraria attraverso ai referendum, la politica  aggira gli ostacoli istituzionalizzando le scelte. Diverse possono essere le dinamiche per le realtà territoriali dove i contenuti sul piano locale devono e possono prevalere sulle strategie politiche nazionali.

 

In questa legislatura abbiamo contribuito in maniera seria e costruttiva al fine di consolidare la volontà di costruire forti relazioni sul piano territoriale, ma non è stato facile. Certo la costituzione del PD non ha agevolato, né il Governo Prodi, né il nostro livello locale.Da Giuliano Pedulli ad Alessandro Castagnoli, attraverso Marcello Rosetti non sono cambiati solo tre segretari, ma anche l'impianto stesso delle relazioni politiche e l'agire dentro scenari diversi. Pieno rispetto di ogni percorso, ma ne abbiamo preso atto.Ne hanno preso atto i compagni di Bertinoro, ma ancora più pesantemente quelli di Dovadola e Castroccaro. In particolare ciò che è avvenuto a Dovadola, avrà per quello che ci riguarda, un punto di riferimento determinante sulla costruzione di ogni tipo di possibile alleanza futura. Non è possibile che davanti a tutte le forze del Centro Sinistra, come lì era avvenuto,  si chiuda un accordo programmatico e strutturale poi,  senza comunicazione preventiva, si lancino primarie tutte interne a logiche correntizie che hanno minato l'intera coalizione e la credibilità di fronte ai cittadini. Oggi i risultati sono davanti agli occhi di tutti con conseguenze sull'intero territorio(un esempio la mancata costituzione dell' Asp).

 

Ci rammarica la discussione interna al PD sulle  primarie. Troppo spesso appare come un parlare di loro stessi e per loro stessi, come se tutti gli  altri fossero comprimari o semplici invitati, questo non dimostra il rispetto dovuto ad un alleanza.Non ci convincono queste forme di democrazia che comprimono la partecipazione, come ho già detto, mentre contemporaneamente rischiano di apparire come una forma arrogante di supremazia.Certo il nostro senso di responsabilità  e la nostra volontà di essere efficaci, non superano alcuni contrasti irrisolti.

 

Abbiamo privilegiato i contenuti e l'efficacia, la prospettiva è ed era tenere aperto il miglioramento. Allo stesso modo abbiamo agito quando il PD ci ha chiesto di includere la lista Bertaccini in Giunta, abbiamo di nuovo privilegiato i contenuti. Abbiamo sottoscritto un patto votato non nelle segreterie dei nostri partiti, ma dentro al consiglio comunale. L'idea perseguita era che attorno alla felice esperienza della raccolta dei rifiuti "porta a porta" di Forlimpopoli si procedesse ad un allargamento di quel bacino comprendendo Meldola e Bertinoro e via via progressivamente territori sempre più ampi dei due comuni di Forlì e Cesena. Che fine ha fatto quel ordine del giorno? Che fine fa la volontà sovrana del consiglio comunale? Restiamo in attesa che si concretizzi l'altro pezzo dell'accordo raggiunto, anche questo alla luce del sole, anche questo nelle aule istituzionali preposte, anche questo contenuto in un ordine del giorno, votato assieme al resto della maggioranza. Abbiamo chiesto e l'abbiamo condiviso, che oltre al rafforzamento dei fondi necessari alle situazioni economiche più disagiate, così come richiesto dai sindacati stessi, si procedesse all'istituzione per l'anno 2009 di fasce di esenzione dalle addizionali comunali per i redditi più bassi delle famiglie di operai e pensionati. Cosa si intende fare di questo impegno assunto?

 

Sono domande che ci parlano di ieri e di oggi e ieri e oggi vengono prima di domani. Abbiamo detto e ripetuto davanti a tutti gli iscritti così come davanti  a tutti gli elettori nostri e non solo, saremo leali e alla fine solo alla fine, tireremo le somme di questa nostra esperienza. La politica non ha bisogno di personalizzazioni la  politica è, o meglio dovrebbe cercare di essere, azione concreta nella società per dare risposta alla collettività,  e  ha bisogno della massima partecipazione, non certo di investiture. Oggi il vuoto politico è dato dalla scarsa partecipazione e non solo dalla crisi della rappresentanza. La nostra risposta deve occuparsi del "che fare" partendo dalle cose concrete.

 

Questo è il nostro impegno, non certo l'arroccarsi, come qualcuno vuol far credere di noi, in una vuota identità ideologica che di per sé non dice nulla, ma  partire da noi, come comunità che si richiama ad un'identità di valori ed idee per agire nella società e con la società. In questo senso il Congresso del Prc ha  confermato la nostra prospettiva. Il Prc forlivese si prepara per i prossimi impegni con la consapevolezza che abbiamo perso una sfida sul piano nazionale, ma che siamo pronti a ripartire.

 

Luciano Ruscelli

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Segretario PRC Forlì

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -