Forlì, evade le tasse. La Finanza gli sequestra il conto in banca

Forlì, evade le tasse. La Finanza gli sequestra il conto in banca

Forlì, evade le tasse. La Finanza gli sequestra il conto in banca

FORLI' - I militari della Guardia di Finanza di Forlì hanno sequestrato un conto corrente ad una società che utilizzava fatture per operazioni inesistenti finalizzate alla frode fiscale. Le Fiamme Gialle a seguito di una verifica fiscale nei confronti di una società di capitali hanno scoperto, tra l'altro, che la stessa aveva utilizzato fatture relative a costi risultati inesistenti in quanto emesse da imprese "cartiere",  per un ammontare di 3.200.000 euro.

 

Il comportamento comprende anche il reato di frode fiscale. L'amministratore della società è stato denunciato a piede libero. Il gip di Forlì, Luisa Del Bianco, su richiesta del pm Marco Forte, ha firmato il sequestro, attraverso il blocco delle somme detenute sui conti correnti dell'amministratore e della società per un importo pari all'ammontare dell'imposta evasa (circa 350mila euro).

 

"La portata della normativa applicata che è diventata attuativa dall'anno di imposta 2008, come definito dalla suprema corte di cassazione, appare rilevante in una più ampia ottica che mira ad una  strategia antievasione tesa a rafforzare la soglia degli interessi erariali, anche per i reati tributari", hanno spiegato le Fiamme Gialle in una nota.

 

Per la Guardia di Finanza si tratta di "una novità di assoluto rilevo nel panorama fiscale. Infatti la scelta legislativa mira inequivocabilmente ad incrementare l'azione di recupero dell'evasione fiscale sul piano effettivo, assicurando allo stato la disponibilità del denaro e dei beni dell'indagato o dell'azienda al fine di confiscarne gli stessi, in caso di condanna definitiva".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -