Forlì, farmacie. Bartolini (PdL): "I cittadini sono preoccupati"

Forlì, farmacie. Bartolini (PdL): "I cittadini sono preoccupati"

Forlì, farmacie. Bartolini (PdL): "I cittadini sono preoccupati"

FORLI' - E' immediata la replica di Luca Bartolini e Alberto Vecchi (An-PdL) alla circolare inviata ai medici di medicina generale dall'Ausl riguardante la distribuzione diretta dei farmaci per patologie con controllo ricorrente. "I cittadini sono preoccupati - dicono - perché se prima si potevano ritirare i farmaci 24 ore su 24 in oltre 50 farmacie presenti sul territorio, da adesso in poi li si potrà fare solamente in otto punti, in orari ristretti e con lunghe code".

 

Secondo i consiglieri il documento in questione sarebbe in antitesi con l'accordo sottoscritto (nel febbraio 2007) fra la Regione Emilia-Romagna e le associazioni di categoria dei farmacisti convenzionati sull'attività di distribuzione, nel quale - ricordano - "si evidenzia il fondamentale ruolo della farmacia come parte integrante del servizio sanitario nazionale". Gli estensori dell'interrogazione segnalano inoltre "l'alta preoccupazione dei cittadini" in relazione alle conseguenze di quanto deciso dall'Ausl forlivese: se prima si potevano ritirare i farmaci 24 ore su 24 avvalendosi di una delle 51 farmacie presenti sul territorio, con il nuovo sistema - rilevano Bartolini e Vecchi - "dovranno recarsi, ad orari ristretti e con probabili lunghe code, esclusivamente  in uno dei soli 8 punti di distribuzione (all'ospedale Morgagni Pierantoni e all'ospedale di Forlì, al distretto-ufficio Cup di via Oberdan, in centro, e in altri 5 punti Cup rispettivamente a S.Sofia, Modigliana, Tredozio, Premilcuore e Civitella)".

 

Bartolini e Vecchi vogliono pertanto sapere dalla Giunta regionale i motivi in base ai quali l'Ausl di Forlì con la propria circolare "ha di fatto stracciato l'accordo" tra Regione e le categorie dei farmacisti convenzionati e se non ritenga che il provvedimento in questione, non riconducibile ad "ad un errata comunicazione, come sostenuto dall'assessore regionale alla sanità", ma ad un atto ufficiale della stessa Ausl "smentisca nei fatti le linee guida della Giunta regionale in materia di distribuzione del farmaco".

 

I consiglieri di an chiedono poi se corrisponde al vero che l'iniziativa in questione rientri in un progetto pilota su Forlì "da applicare successivamente ad altre aziende sanitarie della regione", a partire, prossimamente, dalla provincia di Bologna.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Regione Emilia-Romagna - domandano infine i consiglieri - è consapevole che tale situazione va a compromettere tutta la rete delle farmacie che garantisce un servizio capillare su tutto il territorio per una operazione che peraltro - commentano - farà aumentare con certezza i costi pubblici, a totale discapito del cittadino che rimarrà penalizzato da un peggioramento del servizio, con addirittura un aumento dei costi a carico della collettività?"

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Rubens
    Rubens

    1)Il risparmio è tutto da verificare, perchè la voce di bilancio "spesa farmaceutica convenzionata" verrà spostata su altre voci di bilancio 2) La spesa farmaceutica da noi è stata del12,8% nel 2008 , ben sotto il tetto del 13,8%definito dallo stato (vai a vedere Lazio, Campania, ecc..) 3)I farmaci di Classe A in italia sono i MENO cari d'europa(e i farmaci generici fioccano giorno dopo giorno) 4)Il disagio x i cittadini è evidente e anche il rischio di licenziamenti dovuto a calo di fatturato di Farmacie e Grossisti (vedi COROFAR),soprattutto in questo momento di crisi. Usate la testa

  • Avatar anonimo di innominato
    innominato

    normalmente condivido le battaglie di bartolini ma non in questo caso se la cosa verra fatta bene ci sara un grosso risparmio per il servizio sanitario,io uso un farmaco salva vita e so che farmacisti e distributori ci marciano molto sopra , non o mai visto una farmacia fallire anzi,e ora che chi a mangiato troppo renda un po ,sappiamo tutti che in europa lo stesso farmaco costa molto meno che da noi ma di questo non si parla come mai?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -