Forlì: festival "Crisalide", sabato l'ultimo lavoro della compagnia Motus

Forlì: festival "Crisalide", sabato l'ultimo lavoro della compagnia Motus

FORLI' - Si ritrovano i simboli fondanti di questa edizione di Crisalide nella serata di sabato 10 ottobre, un momento impedibile del festival che vedrà salire in scena la compagnia di teatro riminese Motus e a seguire l'intervento degli studiosi Tiziana Villani e Ubaldo Fadini.

Motus, storica compagnia del teatro di ricerca, propone Let the sunshine in_(antigone) contest #1 (ore 20 Centro Ippico Cortesi, via Scardavilla 9 - Ravaldino in Monte - Forlì ), ultimo lavoro che li vede confrontarsi con un grande classico: Antigone, lavoro ideato e diretto da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò, con  Silvia Calderoni e Benno Steinegger.

Motus scelgono ancora una volta Antigone per tracciare, declinare e incuneare il tema della rivolta nel contemporaneo, procedendo in modo frammentario e lacunoso.
Continua dunque la ricerca avviata in Ics sulle possibili forme di ribellione e scontro/incontro fra generazioni. La compagnia procede attraverso una formula altra di costruzione in divenire: azioni performance intesi come contest, ovvero confronti/dialoghi/discussioni. In questo primo contest passato e presente entrano in corto circuito ed esplodono, trascinando anche il pubblico nella deflagrazione: lo spettatore, posto al centro dello spazio scenico diviene inevitabilmente attore di una rappresentazione che deborda dai limiti del palcoscenico.
 
Let the sunshine in è nato nelle officine grandi riparazioni di Torino, in cui due soli attori, Silvia e Benno, si fronteggiano in uno spazio immenso, e, nella totale solitudine di coppia, tentano di rappresentare i "personaggi": Antigone e Polinice, Eteocle e Polinice, Ismene e Antigone.
"Polinice incarna il conflitto fra azione e compassione, può essere pacifista o terrorista e proprio questo dissidio accoglie le ambivalenze delle varie esegesi... Il legame potentissimo, autodistruttivo fra i due attori/fratelli, che provano una rappresentazione impossibile a farsi, si sgretola nel tentare la verosimiglianza: le figure tragiche sono "usate" secondo un personale processo combinatorio, una riscrittura politico-policentrica, quasi beckettiana. Nel tentativo di ricomposizione di questi "resti" ci scontriamo con la morte dell'anarchico quindicenne Alexandros-Andreas Grigoropoulos, ucciso il 6 dicembre 2008 ad Atene, da "una pallottola vagante" della polizia... un nuovo Polinice? Verso quel quartiere dirigeremo prossimamente il nostro sguardo... ma questo è parte degli sviluppi futuri.".
 
Il motore primo che spinge Motus in un viaggio avviatosi nel 1991, è da sempre una bruciante istanza di "realtà". Animati da un "motus" (movimento) interno verso il fuori, da una necessità inderogabile al confronto con urgenze e ferite dell'attualità, dopo le indagini sulle incognite della giovinezza, lo sguardo si sposta verso l'inseguimento-costruzione di una cartografia delle rivolte del contemporaneo, dove la figura di Antigone è metafora-guida di un percorso che troverà completezza nell'autunno 2010.
 

Di fondamentale importanza per il progetto Crisalide è la presenza, alle ore 21.45 (Ex Filanda) di Tiziana Villani, filosofa e direttrice della rivista Millepiani, ispiratrice delle tematiche sviluppate dal festival, che propone un intervento dal titolo Ecosofia e Ubaldo Fadini, docente di Estetica e attento studioso di Deleuze con l'intervento Le "teste pensanti" e l'ecologia politica.

Il pensiero dei filosofi francesi Gilles Deleuze e Felix Guattari saranno al centro dell'esposizione dei due studiosi.

 
Tiziana Villani, filosofa, dirige la rivista Millepiani e Millepiani/Urban, svolge lavoro di ricerca presso il Dipartimento di Filosofia Urbana dell'Université Paris XII.

Tra le sue pubblicazioni più recenti: Il tempo della trasformazione, Roma, Manifestolibri, 2006; Michel Focault in Les Territoires des philosophes, Paris, Gerphau-La Villette, 2009.  Collabora con diverse riviste italiane e straniere tra cui Urbanisme e fa parte di OUT (Office of Urban Trasformation) laboratorio di analisi della trasformazione urbana Milano-Amburgo.

 
Ubaldo Fadini insegna presso l'Università di Firenze. E' autore di numerosi saggi, tra gli ultimi: Sviluppo tecnologico e identità personale. Linee di antropologia della tecnica (Dedalo, 2000), Figure nel tempo. A partire da Deleuze/Bacon (Ombre corte, 2003), Soggetti a rischio. Fenomenologie del contemporaneo (Città Aperta Edizioni, 2004), Le mappe del possibile. Per un'estetica della salute (Clinamen, 2007), La vita eccentrica. Soggetti e saperi nel mondo della rete (Dedalo, 2009).
 

 
 
Con il patrocinio e il contributo di Regione Emilia-Romagna, con il contributo di Provincia Forlì-Cesena, Comune di Forlì, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. In collaborazione con: Area Sismica.
 
Info e prenotazioni: tel. 0543/370506 mob. 393/9707741
e-mail masque@masque.it  www.masque.it <https://www.masque.it> , www.crisalidefestival.it <https://www.crisalidefestival.it/>  
Ingresso unico per la serata: € 8
Ingresso gratuito per dialoghi ed esposizioni

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -