Forlì, Fiera. Gagliardi (FI): "Quanto paga il Pd per la Festa dell'Unità?"

Forlì, Fiera. Gagliardi (FI): "Quanto paga il Pd per la Festa dell'Unità?"

Forlì, Fiera. Gagliardi (FI): "Quanto paga il Pd per la Festa dell'Unità?"

FORLI' - La polemica nata attorno alla Fiera di Forlì scatnata dallo sfogo di Gilberto Tedaldi, patron di Coinè, suscita la reazione anche del capogruppo in Provincia di Forza Italia, Stefano Gagliardi, preoccupato dalla "possibilità che nell'anno 2009 lo stesso Tedaldi possa privare della stessa Fiera ben 14 rassegne".

 

"Se questo si aggiunge alla crisi strutturale del settore ed in particolare a quanto è accaduto in questi ultimi anni a Forlì con le continue perdite di bilancio presentate - aggiunge Gagliardi - tale ipotesi non può che lasciare sconcertati, soprattutto in considerazione dei 14 anni di attività svolti da Coinè nell'ambito della Fiera e delle numerose manifestazioni realizzate e che hanno contribuito a posizionare la Fiera di Forlì al 4° posto fra le fiere dell'Emilia Romagna dopo Bologna, Rimini e Parma".

 

Gagliardi, ricordando che l'Amministrazione Provinciale è socia dell'Ente Fiera, chiede al presidente Massimo Bulbi quali azioni voglia intraprendere e quale sia la propria posizione. E poi rivolge una domanda polemica: "Quale cifra pagherà il Festival dell'Unità o del PD , che occupa senza considerare l'esterno (30.000 metri quadrati), almeno 15.000 metri quadrati di area interna alla Fiera per 20 giorni di festa più 30 giorni di montaggio-smontaggio, considerato che per l'utilizzo dell'area dedicata alla rassegna musicale Village Music, organizzata da Coinè, sono stati chiesti 9.000 euro più le spese per 1.600 metri quadrati, senza l'uso dell'ingresso principale e per 14 giorni? E' sbagliato, conti alla mano, azzardare una cifra che si avvicina ai 300.000 euro?".

 

Gagliardi vuole sapere anche "come si pensa di recuperare il rapporto con la ditta Coinè,  al fine di evitare che per l'anno 2009 vengano a mancare importanti manifestazioni quali ad es. Contemporanea, Sapeur, Naturalexpo e Sicurexpo, ecc., aggravando ulteriormente le difficoltà in cui si dibatte la Fiera e determinando un danno per tutto l'indotto che ruota attorno alle manifestazioni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -