Forlì, Fli: "Aeroporti, giocare la carta della sinergia"

Forlì, Fli: "Aeroporti, giocare la carta della sinergia"

FORLI ‘ - "Il piano per la riorganizzazione del sistema aereo nazionale messo a punta da Nomisma, One Works e Kpmg, per conto dell'Enac ed oggi all'attenzione del Governo, indica che in Italia ci

sono 24 cosiddetti "piccoli" aeroporti che andrebbero chiusi. Fra questi figurano anche Forlì e Rimini. Si tratta di strutture con un numero ridotto di passeggeri, in competizione in territori confinanti o che risucchiano eccessivi capitali pubblici, come nel caso dei due scali romagnoli. Alla luce di questo scottante dossier , calcolata la sfida senza esclusione di colpi fra il ‘Ridolfi' e il ‘Fellini' e il fatto che su tutto penda la spada di Damocle della legge Tremonti che impedisce agli enti locali di sborsare altri soldi nelle società partecipate che abbiano bilanci in perdita per più di 3 esercizi consecutivi, mi dico convinta che ad oggi una soluzione risolutiva non sia stata ancora trovata e quindi è necessario un colpo d'ala", così Elisa Petroni , coordinatrice di Generazione Italia/Futuro e Libertà di Forlì Cesena lancia un vero e proprio appello alle parti sociali, economiche e amministrative delle due città per tentare l'ultima carta della sinergia fra scali aeroportuali per ora concorrenti.

 

"In attesa dell'esito della privatizzazione del ‘Ridolfi', invito, formalmente i sindaci e i presidenti delle due province, nonché i delegati delle Camera di commercio, ovvero gli enti soci di Seaf e Aeradria a convocare un tavolo, l'ultimo di concertazione tecnico-strategia che sostituisca la cabina di regia che la Regione ha fatto miseramente fallire": conclude.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -