Forlì, Foschi (Uil): "Ed ora basta scioperi a prescindere: discutiamo la manovra"

Forlì, Foschi (Uil): "Ed ora basta scioperi a prescindere: discutiamo la manovra"

Luigi Foschi (Uil)

FORLI' - Ed ora discutere per modificare la manovra. E' il messaggio che lancia Luigi Foschi, segretario della Uil forlivese. Foschi aspetta il termine dello sciopero generale della Cgil per chiedere al governo, ma anche ai sindacati, di intervenire. Così Foschi: "Diradatasi la cortina fumogena delle dichiarazioni mediatiche  di circostanza e degli scioperi a prescindere, invece di osannare la grande partecipazione o il grande ennesimo flop, proviamo a riflettere insieme  su quali possono essere le azioni da portare avanti per cambiare la manovra correttiva".

 

Per Foschi è da cambiare ciò che penalizza di piu' i ceti deboli i lavoratori e i pensionati. "La prima cosa da fare e' assicurarsi che su due importanti capitoli ,  lotta all'evasione, tagli costi politica, il dibattito parlamentare non annulli l'efficacia di questi provvedimenti. Ma e' anche sul resto della manovra che tutti insieme forse possiamo ancora  influenzare il governo e il parlamento".

 

E ancora: "La ‘finestra mobile' il ‘blocco dei contratti' nella pubblica amministrazione, il taglio ai  trasferimenti agli enti locali, sono solo alcuni dei provvedimenti  che ci portano a considerare questa finanziaria non equa e insufficiente. Non equa perche' l'intero carico di sacrifici ricadra' ancora una volta sulla testa dei lavoratori e dei pensionati, mancano misure che colpiscano i grandi patrimoni le rendite finanziarie , mancano misure per il rilancio dell'economia , con la conseguenza dell'aggravarsi  della disoccupazione e delle tensioni sociali".

 

"Insufficiente perche' come stanno dimostrando gli altri paesi dell'euro zona ( che hanno fatto manovre di dimensioni ben piu' grandi ), forse tra qualche mese ci sara' bisogno di una manovra correttiva. Prendiamo atto tutti insieme che la piazza usata strumentalmente ha ancora una volta diviso i lavoratori e cerchiamo invece di creare l'unita' del mondo del lavoro sulle proposte di modifica che possono vederci di nuovo insieme protagonisti di una stagione di rinascita del nostro paese".

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Federico
    Federico

    Caro Foschi, Ci sono un po' di dipendenti Ferretti che vorrebero sapere che fine a fatto e soprattutto cosa a fatto fino ad oggi per loro...

  • Avatar anonimo di Gianfranco
    Gianfranco

    Come mai ci svegliamo adesso amico Foschi? Cos'è successo? Prima cisl e uil vi alleate al governo rovinandol'unione sindacale e adesso chiedete di riflettere su quali sono le iniziative da portavi avanti per ostacolare la manovra correttiva. Dov'eravate fino a qualche giorno fa a leccare il culo al governo. Forse vi siete svegliati e avete capito che chi bisogna aiutare sono i cittadini, i lavoratori e non i padroni e il governo. Speriamo bene che sia finalmente un risveglio e non una scappata così tanto per dire noi ci siamo. Gianfranco Mazzolani

  • Avatar anonimo di minotauro
    minotauro

    fo Foschi chiede ai sindacati di intervenire? per favore qualcuno dica a Foschi che il sindacato è lui, purtroppo. E Foschi dica anche ai suoi superiori di smetterla di firmare accordi separati. La UIL è TUTTO fuorchè un sindacato.

  • Avatar anonimo di pm
    pm

    La UIL ha preferito sedersi al tavolo della trattativa, anche senza la CGIL. Mi pare che finora si sia accontentata di ben poco, le solite promesse della lotta all'evasione (mentre vengono presentate nuove proposte di condono), ridicoli tagli ai costi della politica. L'unica cosa certa saranno i tagli ai già magri stipendi dei dipendenti pubblici (anche di quelli che lavorano), 5 anni di lavoro in più per le donne... Vi accorgete solo ora che la manovra colpisce solo i soliti noti?

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -